Joksimović: Quando la Serbia entrerà nell'UE, dovrà imporre sanzioni alla Russia

Jadranka Joksimovi.
Jadranka Joksimovi / / Foto: EPA-EFE / STEPHANIE LECOCQ

Il ministro serbo per l'integrazione europea, Jadranka Joksimovic, ha affermato che quando la Serbia diventerà membro dell'UE, dovrà rispettare la politica dell'UE in merito all'introduzione di sanzioni contro la Russia, ha riferito il corrispondente MIA da Belgrado.

- L'unità di tutti nell'UE e tra i candidati è uno strumento che indebolisce la Russia, perché evita un conflitto globale che porterebbe il mondo al collasso, ha affermato Joksimović in un'intervista al quotidiano Kurir.

Ha stimato che il nuovo governo accelererà le riforme e il percorso europeo della Serbia.

- Nel prossimo anno avremo pronto il cluster due - mercato interno e cinque - coesione, risorse e agricoltura. Il terzo cluster – crescita inclusiva e competitività è già pronto e il cluster uno – stato di diritto e quattro – agenda verde e connettività sostenibile sono già aperti. Il sesto cluster rimane in termini di politica estera e di sicurezza comune, ha spiegato Joksimović.

Ha aggiunto che secondo la vecchia metodologia dell'UE, la Serbia ha completato metà del lavoro negoziale e secondo la nuova Serbia è l'unica che ha accelerato i negoziati.

Video del giorno