Sosteniamo S. La Macedonia mentre scala la collina verso un futuro europeo più sicuro, afferma l'ambasciatore americano

Kate Mary Burns
Kate Mary Burns / Foto: MIA

"Mentre la Macedonia del Nord, come te, continua a scalare la collina verso un futuro più sicuro e integrato in Europa, anche tu dovrai affrontare sfide difficili. I dilemmi che creano sono unici per il tuo paese e il tuo viaggio, ma non sei il solo ad affrontarli. Gli Stati Uniti sono con voi in quella scalata", ha detto questa sera l'ambasciatrice americana nel Paese, Kate Marie Burns, alla cerimonia presso l'ambasciata americana in occasione del 246° anniversario dell'indipendenza degli Stati Uniti.

Alla presenza di rappresentanti del massimo stato, dei partiti politici, del settore civile e dei media, Burns ha affermato che poiché i due paesi dovranno affrontare nuove sfide, li affronteremo insieme, come alleati, partner e amici.

Nel suo discorso, l'ambasciatrice ha ricordato che tre anni fa, come ha detto, ha scalato per la prima volta questa collina fino all'Ambasciata di Skopje ed è stata ispirata dalla vista e dal potenziale che la circonda.

– Ero consapevole che ci sarebbero state delle sfide. Ne conoscevo alcuni e li aspettavo, come la necessità di continuare la lotta alla corruzione, rafforzare lo stato di diritto e rafforzare le istituzioni democratiche. Alcuni erano nuovi, come la mortale pandemia mondiale, i devastanti incendi e ora la guerra brutale e ingiustificata che imperversa in Europa. Ma a prescindere dalle sfide future, ero convinto che le relazioni tra Stati Uniti e Macedonia del Nord siano sufficientemente forti e dinamiche e che insieme saremo in grado di affrontarle e usciremo più determinati nella nostra partnership, ha sottolineato l'ambasciatore fuori.

Sottolinea che negli ultimi tre anni la Macedonia del Nord è passata da un paese che aspirava a diventare un membro della NATO, a un alleato affidabile, uguale e capace. Ha ricordato che a maggio il paese ha ospitato l'esercitazione "Quick Response", che è stata la più grande esercitazione militare mai svoltasi presso il campo di addestramento di Krivolak.

- L'esercito della Macedonia del Nord ha modernizzato e migliorato la sua prontezza e capacità di risposta, e la barbara aggressione della Russia contro l'Ucraina, le persone che affermano di essere loro fratelli e parenti e con le quali avevano così tanto in comune non potrebbero illustrare più chiaramente perché oggi la NATO è più importante che mai, ha sottolineato Burns.

Ha osservato che la Macedonia del Nord mostra costantemente il suo impegno per il partenariato strategico e il sostegno ai principi democratici, gli stessi ideali che, come ha affermato l'ambasciatore, la Russia sta cercando di negare ai cittadini ucraini.

- Sia che sostenga fermamente le sanzioni contro la Russia o aiuti le persone evacuate dall'Afghanistan o partecipi attivamente al vertice sulla democrazia del presidente Biden, la Macedonia del Nord è un amico affidabile di cui ci fidiamo. Collaboriamo insieme per proteggere l'ambiente, la cultura e le opportunità economiche che rendono la Macedonia del Nord una parte vitale della regione, ha affermato Brnz.

Nel suo intervento, ha presentato dettagli sulle diverse sfere di cooperazione tra i due paesi in aree diverse, sottolineando che con l'espansione del ruolo di leadership della Macedonia del Nord nei Balcani occidentali, aumenta anche l'opportunità di crescita economica e nuovo sviluppo.

Burns ha osservato che dal 2019 gli Stati Uniti hanno investito quasi 60 milioni di dollari nell'industria, nelle infrastrutture e nell'innovazione, creando migliaia di posti di lavoro.

Sottolineando l'approfondita cooperazione bilaterale tra i due paesi, Burns ha sottolineato che Washington e Skopje hanno avuto più opportunità di celebrare anniversari e risultati raggiunti negli ultimi tre anni.

- Quarto secolo di relazioni diplomatiche tra USA e Macedonia del Nord. Trent'anni di partnership con USAID e 25 anni di attività dei Peace Corps nel Paese. Collaborazione di lunga data con la Guardia Nazionale del Vermont. E, naturalmente, a 30 anni dalla tua indipendenza, ha sottolineato Burns.

L'ambasciatore ha detto che la democrazia è una salita.

– I nostri padri fondatori lo sapevano 246 anni fa, proprio come lo conoscete voi 30 anni dopo. Dobbiamo continuare a impegnarci per migliorare la vita dei nostri cittadini e il futuro dei nostri giovani, affrontare le disuguaglianze nel sistema e difendere i valori che abbiamo a lungo difeso. Può essere davvero un peso rimanere sul disgraziato sentiero guardando in alto invece di cercare una via d'uscita. E a volte questo significa prendere decisioni difficili in momenti difficili, ha detto Burns nel suo discorso ai presenti alla cerimonia presso l'ambasciata americana.

Video del giorno