Le teste rasate delle persone detenute per Vanja sono per ragioni psicologiche e di sicurezza, non devono essere "marchiate"

"Non sono marchiati, ma sono privati ​​del diritto di scelta". Con queste parole il direttore del carcere investigativo di Skopje, Filip Andov, spiega ieri a "Sloboden Pechat" le modalità di svolgimento in tribunale dei quattro sospettati per i rapimenti e le liquidazioni della 14enne Vanja Gjorchevska e della 74enne il vecchio Pance Zhezhovski. I sospettati Velibor Manev, Vlatko Keshishov e Bore Videvski insieme al padre di Vanja, Aleksandar Gjorchevsky, sono stati portati davanti al giudice per un procedimento investigativo sotto la massima sicurezza della polizia, ma anche con una descrizione personale notevolmente cambiata: avevano la testa rasata, avevano senza barba, indossavano tute da carcerati, con la testa chinata.

Il direttore della prigione di Skopje, Filip Andov, in una conversazione con "Sloboden Pechat" concorda sul fatto che questo spettacolo non è comune, ma il motivo è che nemmeno tali sospetti di crimini sono comuni.

- Noi, come prigione di Skopje, abbiamo un barbiere residente che è impiegato permanentemente nella prigione di Skopje. Il regolamento per i sospettati di atti così mostruosi è portato dal regista, cioè da me personalmente. Sono io a fornire indicazioni su stoccaggio, distribuzione, uso di articoli consentiti, vantaggi, aspetto fisico e uso del guardaroba. Fino ad ora in Macedonia non si sono verificati atti così atroci, quindi non potreste nemmeno avere familiarità con tali decreti e linee guida del carcere, e forse uno dei miei predecessori non li ha attuati. Tuttavia, mentre sono il direttore, dove ci saranno crimini gravi sotto forma di violenza grave, terrorismo e crimini punitivi gravi, incontrerete e vedrete questo esempio di portare persone detenute. Le ragioni delle testine di rasatura sono igieniche, ma anche di sicurezza, per una più facile ispezione delle lesioni in caso di lesioni. Non portano il marchio, ma sono privati ​​del diritto di scegliere se indossare acconciature o indossare un guardaroba firmato, ha detto Andov.

La sicurezza delle persone detenute è garantita anche dal fatto che si trovano in celle separate. Nessuno può vedere nessuno, né può sapere dove si trova.

Per tre dei sospettati, "Sloboden Pechat" ha informazioni che hanno trascorso la fatidica notte prima di sequestrare e uccidere Vanja nella sede del partito politico di cui erano membri, insieme al primo sospettato, Ljupco Palevski Palco, che è il leader del partito.

Il ministro degli Interni, Oliver Spasovski, nella conferenza stampa di ieri sera in cui ha annunciato che Palevski è stato catturato in Turchia e sarà estradato per affrontare la legge, ha detto che questo partito politico dovrebbe essere cancellato, perché è un covo di criminali con anti - Atteggiamenti europei.

E l'autista di Palevski, Stefan Dimkovski, sospettato di favoreggiamento in un crimine, è un evidente fan di Palevski e membro di "Desna", almeno sui social network dove ha scattato foto mentre lo guidava in autostrada. Ha trasportato Palevski in tutta la Bulgaria con una lussuosa "Land Rover" bianca e lo ha portato in Turchia, dove Palevski ha continuato da solo la campagna dei rifugiati.

Ha affittato un motel economico nella città di Balikesir, ma una fonte operativa diretta della polizia macedone lo ha localizzato e ha riferito che Palevski intende lasciare Balikesir per Istanbul. Palevski ha noleggiato un taxi per andare a Istanbul, ha voluto ingannare le strutture di sicurezza e ha simulato la partenza per Istanbul, e a metà strada del ritorno è tornato. È stato arrestato mentre camminava su una delle autostrade.

Durante le perquisizioni a Skopje sono state però rinvenute due pistole, che gli esperti esamineranno per stabilire se si tratta delle armi con cui sono stati uccisi Vanja e Panche. È stato ritrovato anche il cellulare di Vanja. Sono state completate le autopsie e sono state effettuate le sepolture. Ma la Procura non dirà ufficialmente quali saranno i risultati dell'autopsia, perché quelle prove verranno conservate e presentate al processo stesso. Il ministro Spasovski ha detto ieri nella conferenza stampa che Vanja non è stata soffocata, ma è morta per una ferita da arma da fuoco.

Ljupco Palevski – Palco è il principale sospettato del crimine più atroce della storia recente in cui furono uccisi la 14enne Vanja Gjorchevska di Skopje e il 74enne Pance Zhezhovski di Veles. I loro corpi senza vita furono ritrovati in tombe, che furono indicate da due testimoni che assistettero alle esecuzioni e additarono Palevski come il loro esecutore testamentario, cioè come l'uomo che sparò.

Vanja non era presente in nessuna delle 70 riprese della telecamera fornite, perché è stata afferrata all'ingresso dell'edificio in cui viveva, legata mani e piedi, messa in un sacco a pelo e messa in un baule. Poi è stata uccisa nell'atar del villaggio di Orman. Il pubblico ministero Gavril Bubevski ha affermato che il motivo più probabile dell'omicidio di Vanja era che sua madre aveva venduto il suo appartamento ottenendo così una maggiore somma di denaro, che il gruppo voleva estorcerle, e che le informazioni sui movimenti di Vanja erano state fornite ai sospettati da suo padre.

Secondo i dati finora raccolti, il gruppo di cinque sospettati ha commesso l'omicidio subito dopo il rapimento, cioè intorno alle 10 di lunedì mattina, perché qualcosa "è andato fuori controllo". Secondo le dichiarazioni dei sospettati, avevano paura che le indagini stessero andando avanti, la polizia stava indagando al massimo livello, quindi hanno deciso di uccidere Vanja e poi chiedere i soldi. Tuttavia l'accertamento delle motivazioni è ancora in corso e non è stato confermato che siano esattamente queste.

Secondo la Procura, l'assassinato Pance Zhezhovski di Veles doveva 500 euro a uno dei sospettati, quindi dopo che è stato ucciso, il suo veicolo è stato rubato e utilizzato dai cinque per rapire Vanja. Poi hanno dato fuoco al veicolo e ci sono prove materiali presso quale stazione di servizio hanno acquistato il carburante a tale scopo.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno