INTERVISTA Savo Manojlovic, leader del movimento "Make Changes" in Serbia: Organizzare la società è una questione di volontà, organizzazione e strategia, tutto il resto è una scusa

Savo Manojlovic, leader del movimento "Make Changes" in Serbia e Marin Gavrilovski/Foto: Sloboden Pechat

La democrazia nella società dipende soprattutto da noi, le persone sono l'ultima linea di difesa della Costituzione e nessuno è più forte di loro quando organizzano, Savo Manojlovic, attualmente probabilmente il più accanito critico del governo in Serbia, attivista e grande combattente per i diritti umani e la tutela dell'ambiente.

Quando recentemente ha ricevuto il premio dalla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Belgrado per il miglior dottorato in diritto costituzionale e sistema politico, Manojlovic ha detto che quando un individuo occupa il partito e il partito l'intera società, le istituzioni vengono distrutte. Poi in parlamento non ci sono deputati, ma i cavalli di Caligola.

La situazione nella società serba è monopolizzata a tal punto da un individuo e la società civile e le organizzazioni della società civile, così come il pubblico accademico e scientifico, possono influenzare per migliorare la democratizzazione di una società o è solo una battaglia di Sisifo in cui chi vince chi è più chiassoso, più insolente e incline a metodi autoritari di governo?

– C'è un pensiero: "Non sottovalutare mai la possibilità che un piccolo gruppo di persone cambi il mondo, infatti, sono gli unici che l'hanno mai fatto". Il cambiamento è assolutamente possibile. Creare una società ordinata è solo una questione di volontà, organizzazione e strategia. Forse le società dei Balcani occidentali ora hanno una posizione di partenza più debole, ma tutto ciò può cambiare. Tutto il resto è scusato. Bene, guarda la Romania. Durante la Jugoslavia, la Romania era un simbolo di povertà per tutti noi, ed è stato così dopo che è entrata nell'UE, fino a quando non c'è stata una grande epurazione in cui i politici corrotti, sia del precedente che dell'attuale governo, sono stati messi in prigione. La Romania ora è un paese perfetto e non c'è affatto corruzione? Ovviamente no. Ma è andata lontano. In termini di reddito personale appartiene ai paesi sviluppati, è indiscutibile che sia in fondo a quella lista, ma è entrata in quel club. Dieci anni fa era economicamente al livello della Serbia, ora è quasi il doppio.

Sei diventato noto al pubblico serbo e al grande pubblico della regione quando la tua organizzazione civile "Kreni čreni" è riuscita insieme ai cittadini della Serbia a convincere il governo a rescindere il contratto con la multinazionale Rio Tinto per l'esplorazione e lo sfruttamento del litio e boro in Serbia. Lo considera un successo personale e vincere questa battaglia significa anche vincere la guerra con il governo?

- Devo sottolineare che questa è solo una delle vittorie che "Make Changes" insieme ai cittadini e ad altre organizzazioni ha ottenuto negli ultimi tre anni. Ci sono molte vittorie civili lì. In Serbia, i fiumi sono stati salvati dalla distruzione attraverso mini-centrali idroelettriche ecologicamente dannose, molte aree verdi sono state difese, come il parco locale di Banovo Brdo, il famoso fischietto Aleksandar Obradović è stato rilasciato dalla detenzione, gli studenti hanno salvato il loro Policlinico e gli scienziati hanno salvato i loro Museo di Storia Naturale. Innegabilmente, questa è la più grande rivolta civile e vittoria dal 2000, con più di 130.000 persone nelle strade. Fermare il progetto Rio Tinto è una vittoria per ogni persona che ha partecipato a questa lotta e tutti dovrebbero essere consapevoli che la sua venuta alla protesta, firmando la petizione, pagando la donazione è stato estremamente importante e forse anche cruciale per raggiungere questa vittoria. Tuttavia, questa è solo una battaglia vinta, non una guerra. Vogliamo un paese moderno, promettente, ripulito dalla criminalità, in cui i politici corrotti del precedente e dell'attuale governo finiscano dietro le sbarre, le istituzioni facciano il loro lavoro e applichino la legge e la società funzioni secondo il principio della conoscenza ( meritocrazia), e non secondo il nepotismo e l'eleggibilità politica.

Savo Manojlovic, leader del movimento "Make Changes" in Serbia/Foto: Sloboden Pechat

Secondo molti, sei riuscito in qualcosa, come nessun altro. Le autorità serbe hanno rescisso il contratto con Rio Tinto sotto la pressione dei blocchi organizzati da "Make Changes". È il primo caso in cui il governo accetta le richieste dei cittadini, e queste non sono richieste dei membri del SNS o dei partiti della coalizione. Questo significa che in Serbia sono iniziati i cambiamenti e la democratizzazione della società?

- È la prima volta che abbiamo richieste così grandi che sono state adottate dopo che il governo ha dichiarato esplicitamente che non avrebbe ceduto. La democrazia nella società dipende principalmente da noi. Il popolo è l'ultima linea di difesa della Costituzione e nessuno è più forte del popolo quando è organizzato.

I media in Serbia (tranne due o tre che sono, diciamo, orientati all'opposizione) sono sotto la protezione del governo. Sono feroci nel condannare chi ha opinioni anche leggermente diverse da Aleksandar Vucic, e tu sei uno di loro. Come accetti queste accuse ed etichette?

- Penso che i lettori in Macedonia sappiano come funzionano i sistemi in cui si intrecciano politica, criminalità e controllo dei media. Non puoi combattere un tale sistema senza aspettarti gli attacchi più brutali. Vedo tutte le minacce, gli insulti e il clamore mediatico come ostacoli che non ci fermeranno sulla strada verso una Serbia moderna e giusta.

Secondo lei, da dove viene il fascino dei cittadini della regione del sud-est Europa per i politici che hanno uno stile di governo autoritario? Tu hai Vucic, noi abbiamo avuto Gruevski, in Bulgaria era Borisov, in Ungheria è ancora Orban...

- Giusto. In Montenegro abbiamo Milo Djukanovic e in Albania Edi Rama. Sai, non credo che i cittadini siano particolarmente affascinati da queste persone. Una parte, principalmente la popolazione anziana, può essere affascinata dalle immagini proiettate dai media, ma quelle immagini non sono reali. Quando leggi le fiabe, sei anche affascinato dai personaggi delle fiabe. L'altra parte dei cittadini è spesso ricattata dalle questioni esistenziali e dal lavoro nel settore pubblico. Tuttavia, se offri ai cittadini una visione, ti organizzi bene e lavori duramente per raggiungere l'uomo comune, il cambiamento è possibile. Ciò che è molto importante è avere un piano chiaro su cosa fare quando arriverà il cambiamento. Se non hai un piano chiaro e persone che cambieranno in meglio la vita dell'uomo comune, allora puoi uccidere la speranza delle persone e mangiare intere generazioni. Non si deve permettere ai portatori di corruzione di cambiare il partito o le nuove persone per fare le stesse cose cattive. Il compito principale del portatore del cambiamento è non deludere la lotta dell'uomo comune.

La questione irrisolta più importante in Serbia è la questione del Kosovo. Ci si può aspettare progressi nel prossimo futuro in termini di risoluzione e avete forse considerato quale potrebbe essere una soluzione reciprocamente accettabile che porrebbe fine a quella crisi?

– Non esiste una soluzione rapida e semplice a questo problema. La mia opinione è che riconoscendo il Kosovo, i paesi occidentali della NATO abbiano commesso un grosso errore e abbiano aperto il vaso di Pandora. E non importa quanto abbiano convinto tutti che questo fosse un caso e un'eccezione, ora vedi che la Russia sta facendo la stessa cosa in Ucraina, prima che fosse fatta in Georgia. Mi sembra che alcune partite di poker geopolitico si giochino nei Balcani in maniera di sinistra e che si investano vite umane come gettoni. Ora ci sono alcune élite politiche che negoziano e si ricattano costantemente a vicenda e stanno andando bene in questi negoziati reciproci, ma le persone se la passano male. Vedo qualcosa di simile in Macedonia. Pertanto non è possibile creare stati funzionali.

Molti concordano sul fatto che l'unica strada per i paesi dei Balcani occidentali sia quella verso l'integrazione europea, ma la pratica è completamente diversa. Apri i capitoli molto lentamente, ancora una volta siamo frenati da uno Stato membro, la Bosnia-Erzegovina è in una crisi costante e l'UE non ha compiuto alcuno sforzo particolare per risolverla. Molti in Serbia vedono la salvezza in Russia: c'è la possibilità che le cose vadano in una direzione negativa e la situazione nei Balcani occidentali si aggravi di nuovo?

- Sarebbe bello se questa volta il prossimo terremoto mondiale non colpisse i Balcani. E finora abbiamo pagato troppo caro i conflitti mondiali. Penso che l'UE sia in gran parte responsabile dell'attuale situazione nei Balcani. Hanno sostenuto o supportano la maggior parte degli autocrati balcanici che hai elencato. Per molti hanno avuto un'influenza decisiva per salire al potere, hanno cercato con le dita una governance contraria ai valori europei come la lotta alla corruzione o una magistratura indipendente. D'altra parte, molto spesso hanno infranto le loro promesse e non hanno fatto progressi che avrebbero influito sulla qualità della vita della gente comune. Un buon esempio è la violazione delle promesse relative alla Macedonia, dopo che hai fatto delle concessioni sul tuo nome. Allora non ci si può chiedere perché i cittadini stiano perdendo fiducia nell'UE.

Video del giorno