INTERVISTA Lenče Nikolovska: Bisognerebbe forzare la produzione a contratto, il nuovo progetto è la barbabietola

Lenče Nikolovska, Foto: Archivio privato

Dobbiamo rivolgerci alla produzione interna di girasole e fornire materia prima che sia affidabile per il trasformatore, non ci sarà alcun deflusso di valuta estera e gli agricoltori saranno soddisfatti dei loro guadagni. Quest'anno è previsto l'acquisto di 10.000 tonnellate di girasole, ma la capacità di "Crystal 1923" è di 40.000 tonnellate.

La produzione contrattuale è la soluzione migliore per tutte le parti interessate nel processo: prima di seminare o piantare, gli agricoltori sanno a chi venderanno il raccolto, gli acquirenti si sono assicurati una materia prima affidabile e lo stato ha risolto il problema con il posizionamento di colture agricole prodotti, racconta Lenče Nikolovska, che con lei l'azienda "Agrotim" è già diventata riconoscibile nella mediazione tra agricoltori, produttori e acquirenti.

Nikolovska si occupa da molti anni del settore agricolo, partendo da giornalista che segue la situazione, attraverso un membro del parlamento, poi consigliere per l'agricoltura dell'ex primo ministro Zoran Zaev, per avere ora una sua azienda, che offre vari servizi agli agricoltori. La sua valutazione è che ora, quando la pandemia e il conflitto russo-ucraino hanno sottolineato l'importanza della produzione interna, l'UE investirà miliardi nel settore agricolo e nelle economie nazionali si apriranno sempre più opportunità affinché l'agricoltura diventi un prezioso e professione retribuita.

A che punto siamo con il processo di produzione per conto terzi, per quali colture è di più e dove è necessario stabilirlo?

- Si tratta di un intero sistema e di un complesso processo di idee, accordi, incontri, negoziazioni, al fine di raggiungere una soluzione accettabile comune per entrambe le parti - produttori e acquirenti. In questo processo gestito da "Agroteam", abbiamo un ruolo importante e il supporto del Ministero dell'Agricoltura, aumentando i sussidi per le colture che fanno parte della produzione appaltata, nonché la sicurezza istituzionale che viene offerta nell'interesse di aumento della produzione alimentare interna. In una frase, è già diventato chiaro a tutti che la produzione a contratto è un modello di successo che dovrebbe essere spinto per più raccolti. Attualmente, tramite "Agroteam" stiamo lavorando alla produzione conto terzi di peperone biologico, insieme al Progetto Svizzera per aumentare l'occupabilità sul mercato - IME, abbiamo proseguito con il contratto per il girasole, per i cetriolini, per il mais, e ora stiamo preparando per un nuovo progetto - produzione a contratto di barbabietola da olio. Dalla mia esperienza e conoscenza, c'è l'opportunità di organizzare la produzione a contratto per tutte le colture che sono materia prima per l'industria di trasformazione e un passo avanti può essere la produzione a contratto anche con commercianti e acquirenti.

Da molti anni la fabbrica di olio alimentare "Crystal 1923" di Veles invita gli agricoltori a un rapporto di collaborazione, a piantare girasoli con un prezzo e un acquisto garantiti. Ma nonostante ci sia un aumento delle quantità, la capacità non è nemmeno vicina all'essere soddisfatta. Perché questo processo procede così lentamente nel nostro paese: non c'è matematica, abbastanza agricoltori, fiducia o qualcosa di completamente diverso?

- Tutta la storia dell'attivazione della produzione conto terzi è iniziata con il ritorno dei girasoli nei campi macedoni, un progetto che insieme al direttore di "Crystal 1923", Goran Lazov e un team di agricoltori ed esperti, abbiamo avviato 4 anni fa, mentre lavoravo nel Gabinetto dell'ex Primo Ministro Zoran Zaev. E siamo riusciti a triplicare la produzione in 2 anni, da 2.000 tonnellate, quanto la mietitrebbia acquistata, a 7.000 tonnellate di girasole. Ma è certamente lontana dalle nostre possibilità di produzione nazionale e dalla capacità del "Crystal 1923" di 40.000 tonnellate. Ecco perché quest'anno l'intensa campagna del Ministero dell'Agricoltura, l'aumento dei sussidi, il sostegno all'approvvigionamento di fertilizzanti e l'affidabilità della produzione a contratto, hanno indotto i produttori agricoli a seminare superfici più grandi a girasole. Secondo tutti gli annunci, quest'anno prevediamo oltre 10.000 tonnellate, il che è eccellente e motivante per gli anni successivi a continuare questo trend positivo. Qui penso che il fattore decisivo sarà il prezzo di acquisto del girasole, che dovrebbe essere alto quest'anno, a causa della guerra con l'Ucraina e dell'instabilità del mercato dei girasoli, e questo non è un problema che si risolverà rapidamente e facilmente. Ecco perché dovremmo rivolgerci alla produzione nazionale di girasole e fornire una materia prima affidabile per il trasformatore, non ci sarà alcun deflusso di valuta estera e gli agricoltori saranno soddisfatti dei loro guadagni.

Lenče Nikolovska, Foto: Archivio privato

Ci sono tentativi nei nostri campi di recuperare i vecchi raccolti, come il cotone, il papavero, la colza?

- I raccolti dimenticati sono stati "dimenticati" principalmente a causa della non redditività della produzione, del collocamento spontaneo, delle materie prime più economiche provenienti dalle importazioni e della mancanza di acquisti organizzati, ovvero di produzione a contratto. È così che abbiamo perso la barbabietola da zucchero, da 6.000 ettari, ora non c'è nemmeno un acro, per il mancato funzionamento dello Zuccherificio di Bitola. E di quella produzione vivevano interi villaggi, si comprava la barbabietola e la parte verde veniva usata come mangime per gli animali nelle fattorie. Per il cotone – la storia è la stessa, mancanza di acquisto, mancanza di interesse dello Stato a stimolare questa produzione. Quello che voglio annunciare ora è la produzione contrattuale di barbabietola da olio, per la quale ci sono condizioni pedoclimatiche, e ancora una volta stiamo trattando con "Crystal" per l'acquisto della barbabietola. L'unico problema sarà il posizionamento della sansa, che apparirà come sottoprodotto della trasformazione della barbabietola in olio, per la quale dobbiamo negoziare con gli allevamenti di vacche e offrirli per l'acquisto. Gli esperti dicono che è un'ottima soluzione perché aumenta la produzione di latte delle mucche e di questo vogliamo informare gli allevatori attraverso "Agroteam". In questi giorni trattiamo con aziende che si occupano della vendita di semi, per fornire sementi e varietà di qualità adatte al nostro clima e consulenti che monitoreranno la produzione sul campo. Anche qui mi aspetto il sostegno del ministero dell'Agricoltura nella direzione di incoraggiare gli agricoltori o la possibilità di aumentare i sussidi come ulteriore motivazione. Vedremo come avverrà l'intero processo, che deve essere veloce, perché la semina della colza è in agosto e settembre, e finora abbiamo già annunciato la semina di 500 ettari.

Qualunque siano le politiche perseguite, la figura centrale è la mano che lavora. Come attirare nuovi agricoltori?

- Il problema del lavoro è evidente e sempre più preoccupante negli ultimi anni. Il problema si è creato continuamente senza possibilità di fermarlo o ridurlo per diversi (noti) motivi nella società degli anni passati. Voglio credere che questa tendenza si trasformerà a favore della produzione agricola perché la crisi del covid e la guerra in Ucraina ci hanno mostrato che l'unico business affidabile è la produzione alimentare. I dati, non solo nel nostro Paese, in tutti i Paesi mostrano un aumento delle esportazioni, dei prezzi elevati dei prodotti agricoli, della trasformazione e del fabbisogno alimentare. Tutti i paesi seri hanno reagito a questa situazione in modo identico: hanno aumentato i sussidi per gli agricoltori, l'UE ha aumentato i fondi di sostegno, sono state introdotte misure di intervento, è stata assegnata la terra, lo stato si è rivolto a una maggiore produzione di colture strategiche. Qui incoraggio i giovani e gli ambiziosi a impegnarsi nel settore agricolo, ci sarà sempre più bisogno di cibo, l'UE investirà miliardi nel settore agricolo, modernizzerà, digitalizzerà la produzione e la produzione agricola sarà rispettabile e ben pagata professione. Abbiamo ottimi provvedimenti statali, ci sono anche i fondi IPARD, solo quest'anno ci saranno bandi da 35 milioni di euro. Tutto ciò contribuirà a rendere la produzione agricola un'attività redditizia. E il profitto sa motivare, se uno ha capacità manageriali e visione, qui è una cosa certa per i giovani rimanere nel paese e giustificare l'epiteto: Macedonia agraria.

Video del giorno