Azione industriale

janeta skerlev
foto: Archivio / Janeta Skerlev

Londra, e gran parte del paese, è rimasta paralizzata questa settimana a causa dello sciopero dei conducenti e del personale di treni e metropolitane. Le persone non possono andare al lavoro, agli esami, agli ospedali, ai teatri, ai ristoranti, allo shopping, per questo, come la chiamano qui "azione industriale", soffre l'intero settore. Si stima già che le imprese abbiano subito milioni di perdite. Gli scioperanti chiedono salari più alti, pensioni migliori e migliori condizioni di lavoro.

Usciamo dal negozio leggermente pallido, guardo in vetrina, forse abbiamo una sfumatura di giallo, verso il verde. Mio marito, tipicamente per lui, cammina allegramente e si comporta come se niente fosse, ma io, a dire il vero, sono tutto scosso, le mie ginocchia sono come spaghetti bolliti (da chi non si attacca alle piastrelle sopra i fornelli per essere "Al dente") e sento che inizia a svilupparsi un mal di testa che ha un'alta probabilità di trasformarsi in emicrania.

Centotrentasei sterline è il conto che abbiamo pagato al nostro negozio di alimentari locale e ci abbiamo messo un po' a riprenderci. Abbiamo comprato il caviale? No. Champagne? No. Manzo, rispetto ai giapponesi quando massaggiano manualmente i polpacci per essere rilassati, allegri e di buon umore prima di chiudere gli occhi e in presenza di musica zen avvicinarli da dietro con un coltello? Ma per niente. La spesa più ordinaria. Nai-o-bi-chen. Sai, che ne dici di due. Carne, pesce, latte, formaggio, formaggio giallo, frutta, verdura, caffè, yogurt, kefir, pane nero con semi… principalmente quello. Oh quay, e qualche altra robaccia e alcune bottiglie di vino, perché abbiamo whisky e altri alcolici più forti in buona scorta a casa. A volte mi dico che bisogna plastificare, plastificare la lista della spesa, perché compriamo le stesse cose ogni volta che entriamo, come dimostrano le liste che trovo nelle borse e nelle tasche del cappotto e sono sempre relativamente le stesse , con alcune differenze. E ho bisogno di liste, l'esperienza mi ha insegnato che senza di esse entro in negozio convinto che comprerò tutto quello che mi serve, ed esco con una decina di cose inutili, meno necessarie e senza pane e carta igienica. Quella nera con semi e quella morbida a quattro strati e airbag.

Tutto è più costoso

Abbiamo l'inflazione. Tutto è più costoso: vestiti, cibo, elettricità, acqua, utenze, gas, appartamenti, affitti, materiali da costruzione, materiali da giardino, per non parlare della benzina. Un serbatoio è in media di circa cento libbre, quindi la benzina ha iniziato a essere rubata. Ma non "in vicinato", con la manichetta, poi l'aspirazione, poi nel bidone, ma - ti spiano al benzinaio quando fai il pieno, ti seguono a casa e di notte, mentre tu con calma o meno con calma (a seconda che tu sia stato o meno al supermercato) stai dormendo, ti rubano il gas con apposite pompe silenziose, che hanno la capacità di "trasferire" cinquanta litri in pochi minuti.

Secondo il sito "next door", dove i londinesi condividono informazioni e problemi, sempre più auto vengono rubate dalla porta d'ingresso, la criminalità informatica è in aumento e programmi TV su persone di tutte le età ingannate e derubate, ma soprattutto le generazioni più anziane che trasferiscono denaro a truffatori spacciandosi per esperti finanziari o rappresentanti bancari. Questo preoccupa così tanto le banche che hanno dipartimenti per combattere questo tipo di criminalità, perché se la frode è con una carta di debito o di credito, generalmente devono restituire i soldi ai loro clienti, ingannati dai truffatori online.

Scioperi di massa

Londra, e gran parte del paese, è rimasta paralizzata questa settimana a causa dello sciopero dei conducenti e del personale di treni e metropolitane. Le persone non possono andare al lavoro, agli esami, agli ospedali, ai teatri, ai ristoranti, allo shopping, per questo, come la chiamano qui "azione industriale", soffre l'intero settore. Si stima già che le imprese abbiano subito milioni di perdite. Gli scioperanti chiedono salari più alti, pensioni migliori e migliori condizioni di lavoro. I lavoratori dei trasporti stanno negoziando con i proprietari dell'azienda, ma stanno anche cercando aiuto dal governo, che ha aiutato durante la pandemia.

Gli educatori dicono anche che il governo deve ascoltare la loro rabbia, altrimenti annunciano che lasceranno le aule vuote entro la fine dell'anno. La British Airways ha anche annunciato uno sciopero, minacciando avvocati, impiegati delle poste, medici, infermieri, ingegneri della British Telecom, autisti di autobus e dipendenti pubblici.

Johnson in Ruanda

E cosa ha fatto il governo? Il primo ministro Boris Johnson è andato dove era ricercato, in Ucraina, e poi in Ruanda, dove si sta svolgendo la Conferenza del Commonwealth. Capita spesso che quando ci sono problemi nel Paese, Boris non ci sia. Il Ruanda ha anche l'erede al trono, il principe Carlo, con il quale possono incontrarsi e scambiare o non scambiare una parola su un piano britannico di biglietti di sola andata per gli immigrati da Londra a Kigali. Il principe ha dichiarato in privato che era disumano, ma non ha alcuna influenza sulla politica britannica ma è lì per sostituire la regina.

Ma il governo, che ha influenza su quanto sta accadendo nel Paese, ha annunciato di aver risolto gli scioperi. A seconda che il parlamento approvi, è stato adottato un pacchetto di misure che renderà più facile per le imprese nelle prossime settimane. Cosa pensava il governo, ti sento chiedere? È quella la cura magica trovata qui? Ci sarà un aumento di stipendio? O verranno mandati gli scioperanti, o almeno i loro dirigenti, in Ruanda? No. Il governo ha affermato che abrogherà le leggi restrittive e consentirà alle imprese di utilizzare lavoratori interinali per coprire le scappatoie durante gli scioperi. Come ripetere gli anni Ottanta e il tempo di Margaret Thatcher? Dopotutto, Johnson non ha mai nascosto di essere uno dei suoi idoli.

Mentre Johnson è in Ruanda, in due elezioni parlamentari dovute alle dimissioni delle precedenti, i conservatori hanno perso catastroficamente - a spese del Partito Laburista e dei Liberal Democratici. Ancora ignaro, nelle prime ore del mattino si è dimesso dalla carica di presidente del partito Oliver Dauden, presumibilmente perché non doveva spiegare le ragioni delle perdite e difendere il leader del partito. Che il Primo Ministro possieda il Ruanda. Lo abbiamo visto lì in una scuola con bambini, sorridente, ballando e cantando. Non ci sarà niente di cui ridere o cantare qui. Ma i giochi per la sua rimozione sono già iniziati.

Video del giorno