Migliaia di detenuti ucraini chiedono la libertà condizionale per arruolarsi nelle forze armate

Foto: focus.ua

Oltre 3.000 detenuti ucraini hanno chiesto la libertà condizionale per partecipare alla difesa dell'Ucraina.

Lo ha annunciato il viceministro della Giustizia Elena Vysotskaya.

Coloro che si offrono volontari per essere mobilitati devono entrare in servizio contrattuale nelle forze armate.

"Sono più di tremila le persone che hanno presentato domanda. Lo avevamo previsto prima dell’adozione di questa legge. Non possiamo dire che tutte le 20 persone che abbiamo notato come dotate di potenziale si uniranno. Nei sondaggi precedenti, circa 4,5mila hanno espresso il loro desiderio. Ora questo numero oscillerà", ha spiegato Vysotskaya.

Secondo lei, il Ministero della Giustizia ha capito "che ci saranno coloro che vorrebbero mobilitarsi, ma la legge limiterà alcune categorie, quindi non si può dire che tutti riceveranno la libertà condizionale e concluderanno un contratto".

Il viceministro della Giustizia ha sottolineato inoltre che non tutti i detenuti che hanno espresso il desiderio di arruolarsi nell'esercito potranno farlo a causa del loro stato di salute.

Commissioni mediche militari controlleranno i detenuti per malattie socialmente pericolose: infezione da HIV, tubercolosi o epatite. La presenza di queste malattie è una base per rifiutare la mobilitazione.

Vysotskaya ha sottolineato che la determinazione fondamentale nella legge è il desiderio del condannato e la sua motivazione a stipulare un accordo con le forze armate ucraine per ottenere la libertà condizionale.

Allo stesso tempo, ha sottolineato che la legge contiene avvertimenti nel caso in cui qualcuno improvvisamente consideri la firma di un accordo con le forze armate ucraine come un'opportunità per essere liberato, ma non per combattere.

"Dovreste capire che la legge prevede alcune disposizioni per questi casi. La responsabilità per risoluzione del contratto è molto alta e va dai 5 ai 10 anni di reclusione. Pertanto, chiunque voglia speculare su questo argomento può affrontare ulteriori responsabilità e aggiungere fino a 10 anni di reclusione a quelli precedenti", ha detto Vysotskaya.

Il 17 maggio 2024, il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskyj ha firmato un progetto di legge che prevede la mobilitazione volontaria di alcune categorie di prigionieri nelle file delle forze armate ucraine e la conclusione di un accordo corrispondente.

Presteranno servizio in unità speciali e la supervisione amministrativa sarà effettuata dai comandanti delle unità militari.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno