Fuere: la Bulgaria si comporta come una potenza coloniale e non membro dell'UE, manca la reciprocità

Erwan Fouere / Foto: Archivio

L'accordo di Ohrid ha resistito alla sfida del tempo, ma il suo spirito va preservato ancora di più, valuta l'ex ambasciatore europeo a Skopje. Erwan Fouer. In un'intervista a Alsat dice che le politiche dovrebbero essere attuate nell'interesse dell'intera società, non solo di un determinato gruppo etnico. In questa occasione ha menzionato l'occupazione nell'amministrazione e l'educazione multiculturale integrata. Per quanto riguarda gli accordi della Macedonia, Fuere si dice sorpreso dal fatto che Skopje e l'UE non abbiano fornito reciprocità nel caso della Bulgaria.

"Penso che sia un importante promemoria del fatto che l'accordo di Ohrid ha portato la pace e la fine del conflitto armato in Macedonia e ha comunque creato un quadro per la stabilità, le istituzioni democratiche e il decentramento del potere in un momento in cui il paese voleva già mostrare le sue credenziali europee e il desiderio di far parte del processo di integrazione europea. L'accordo quadro di Ohrid è stato anche un esempio per la regione, che a quel tempo era ancora minacciata da conflitti interetnici e tensioni tra stati. 20 anni dopo, direi che l'accordo ha decisamente superato la prova del tempo, nonostante i numerosi ostacoli incontrati sulla sua strada, soprattutto durante il governo guidato da Gruevski, con il suo approccio al potere altamente centralizzato e la mancanza di dialogo politico. Ma allo stesso tempo, c'è ancora molto lavoro da fare per garantire il pieno rispetto dello spirito dell'accordo – dice l'ambasciatore Fouere.

Commentando l'accordo di buon vicinato con la Bulgaria, il diplomatico sottolinea che i cittadini macedoni avevano bisogno di "pillole" dure da ingoiare e, secondo lui, ciò dimostra ancora la determinazione dei cittadini e dello Stato a perseguire e raggiungere i principali obiettivi politici .

– Devo dire che sono un po' sorpreso, ad esempio, dall'obbligo del governo di apportare modifiche costituzionali per riconoscere l'esistenza della comunità bulgara nel paese. Sono sorpreso che non vi sia alcuna resistenza da parte del governo per garantire la reciprocità su questo tema perché sappiamo tutti che la Bulgaria continua a rifiutarsi di riconoscere e attuare le decisioni della Corte europea dei diritti dell'uomo in merito al riconoscimento della comunità macedone in Bulgaria. Pertanto, questa rimarrà una questione divisiva nella società macedone ed è comprensibile. Anche la questione che ora alcune parti dell'accordo di buon vicinato fanno parte del quadro negoziale e penso che crei davvero una nuova situazione senza precedenti nel processo di allargamento. Proprio a causa della mancanza di reciprocità per il riconoscimento delle comunità in Macedonia e Bulgaria, ritengo vergognoso che l'UE abbia permesso che ciò accadesse perché qual è lo scopo di questo tribunale se le sue decisioni non vengono rispettate - conclude Fuere.

Video del giorno