L'Europa nel tentativo di fornire 100 miliardi di euro per la ricostruzione dell'Ucraina

La Banca europea per gli investimenti propone la creazione di uno strumento finanziario, come quello durante la pandemia di covid-19, che fornirebbe 100 miliardi di euro per la ricostruzione dell'Ucraina, scrive Reuters.

Un fondo del genere dovrebbe inizialmente avere 20 miliardi di euro come contributo degli Stati membri dell'UE, denaro che verrebbe collocato sotto forma di fondi a fondo perduto, prestiti e garanzie.

Le garanzie avrebbero una partecipazione multilaterale e sarebbero offerte per progetti infrastrutturali per un valore totale di 100 miliardi di euro, fondi che coprirebbero la metà dei bisogni essenziali dell'Ucraina.

La proposta della BEI dovrebbe essere presentata oggi, durante la conferenza internazionale sulla ripresa dell'Ucraina, che si tiene in Svizzera. L'obiettivo è fornire fondi per aiutare il Paese a riprendersi dalle ostilità.

I fondi di questo fondo verrebbero utilizzati per ripristinare ponti, reti idriche e altre opere infrastrutturali, soprattutto nelle città dove c'è un aumento della popolazione dovuto alla migrazione da altre città del paese dilaniato dalla guerra.

Per poter utilizzare queste misure è prima necessaria l'approvazione della Commissione Europea, quindi anche gli Stati membri dovrebbero esprimere il loro parere su tale proposta.

Video del giorno