L'Ue ha annunciato il nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, diamanti nuovamente risparmiati

Bandiere dell'Unione Europea / Foto: MIA

L'ottavo pacchetto di sanzioni dell'UE contro la Russia include più metalli preziosi, ma non i diamanti, un'industria chiave per il Belgio.

Ieri la Commissione Europea ha presentato l'ultima proposta per nuove restrizioni alla Russia. Tra questi, la limitazione del prezzo del petrolio russo che viene esportato in paesi terzi che non hanno sanzioni contro Mosca, ma anche una serie di materiali, sostanze e prodotti, al fine di ridurre le entrate del Cremlino.

Ma nonostante i numerosi appelli a includere i diamanti nell'elenco delle sanzioni, non è successo nemmeno questa volta.

L'industria dei diamanti è molto importante per il Belgio. Sebbene il Belgio non si dichiari ufficialmente contro le sanzioni in questo settore, i media e gli esperti affermano che esiste una forte lobby che esercita pressioni sulle istituzioni e sui paesi dell'UE affinché non includano i diamanti nelle sanzioni.

Numerosi altri beni di lusso come l'oro e altri sono stati sanzionati, ma i diamanti russi stanno ancora arrivando sul mercato europeo.

I diamanti rappresentano il 30 per cento del commercio mondiale della Russia, secondo le statistiche ufficiali degli Stati Uniti, e sono tra le prime dieci esportazioni quando l'energia è esclusa. Nel 2021, questo commercio ammontava a oltre 4,5 miliardi di euro per Mosca.

Video del giorno