L’Ue ha sbloccato il pacchetto di aiuti da 6,3 miliardi di euro per la Polonia

Bandiera polacca / foto: MIA

L’Unione Europea ha sbloccato oggi il primo pacchetto di aiuti finanziari da 6,3 miliardi di euro per la Polonia dal Recovery Fund dopo la pandemia di Covid-19.

Si tratta della somma più grande che l'Unione europea abbia mai concesso a uno Stato membro, ha dichiarato oggi la ministra della Politica regionale della Polonia, Katarina Pelczynska Nalenc.

L’UE ha bloccato i finanziamenti alla Polonia perché il suo precedente governo conservatore, che ha perso le elezioni lo scorso ottobre, ha modificato le leggi giudiziarie e quindi, ha affermato Bruxelles, ha violato i principi e le norme democratiche. La Commissione europea ha poi affermato che per ricevere i fondi la Polonia deve garantire l'indipendenza del potere giudiziario.

La Commissione ha annunciato a febbraio che avrebbe iniziato a erogare i fondi trattenuti dopo aver ricevuto assicurazioni dal nuovo primo ministro filoeuropeo Donald Tusk che avrebbe ripristinato le norme democratiche.

La Polonia riceverà un totale di 25,3 miliardi di euro in sovvenzioni e 34,5 miliardi di euro in prestiti nell'ambito del "Fondo per la ripresa e la resilienza" - il piano di ripresa dopo la pandemia di Covid-19, istituito nel 2020 su un totale di 672,5 miliardi di euro.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno