Estonia: il focolaio dell'inflazione europea

Bandiera dell'Estonia/ Foto Vadim Pacajev / ddp USA / Profimedia

Gli abitanti di Tallinn, la capitale dell'Estonia, "svengono" ogni giorno leggendo i prezzi nei mercati e nei negozi.

In un mercato vicino al centro di Tallinn, dove si vende principalmente cibo in scatola e confezionato, la giovane studentessa di 19 anni Anna Kordei racconta "Politico” come i prezzi nel paese sono saliti alle stelle e come le persone reagiscono all'inflazione.

"Le persone non sono davvero contente dell'aumento dei prezzi. Mi incolpano perché sono davanti ai prodotti, ma sanno che non posso aiutarli", dice Corday.

L'inflazione in Estonia è principalmente causata dall'invasione russa dell'Ucraina e dalle conseguenze della pandemia. Tali conseguenze hanno reso l'inflazione in Estonia la più alta d'Europa. Secondo i nuovi dati di "Eurostat", è stata registrata una crescita annua del 22,7%.

Bandiera dell'Estonia / Foto: MIA

I prezzi nei restanti 19 paesi che utilizzano l'euro quest'anno sono aumentati dell'8,9 per cento entro la fine di luglio.

Korday, il giovane fruttivendolo, dice che i lamponi, che l'anno scorso erano 7 euro al chilo, ora sono quasi 11 euro.

Anche i prezzi dei carburanti in Estonia sono influenzati dall'inflazione. Benzina c'è 2 euro al litro, che è vicino al record in Europa.

Manvel Musaelyan, un venditore di auto, ha detto a Politico che i prezzi alti delle auto sono "vergognosi".

"Questo è un peccato. Qualcosa va fatto, il governo deve ridurre le tasse. Non possiamo continuare così", dice.

Problemi per il governo

Per il governo estone, che dovrà affrontare nuove elezioni tra sei mesi, la pressione è in aumento.

Il primo ministro Kaya Callas si è attenuto a una politica fiscale abbastanza rigida da quando è salito al potere l'anno scorso e ha chiarito che mira a continuare a frenare la spesa.

Kaya Callas/ Foto EPA-EFE/TOMS KALNINS

È consapevole del fatto che dare i soldi del governo alle famiglie più povere potrebbe portare a una maggiore domanda nell'economia causando un'altra ondata di inflazione. Allo stesso tempo, tali pagamenti si aggiungerebbero al disavanzo pubblico.

Dopo un vertice dei leader dell'UE alla fine di giugno, Callas ha esortato i governi dell'UE a collaborare con le banche centrali per affrontare le forze globali - la guerra in Ucraina e le ricadute della pandemia - dietro l'inflazione elevata e le deboli prospettive di crescita economica.

"Siamo in una situazione difficile che richiede passaggi attenti", ha detto Callas.

Secondo le ultime previsioni ufficiali della Banca d'Estonia a giugno, il paese prevede che l'inflazione raggiungerà una media del 15,4% nel 2022 e del 4,3% nel 2023.

La rabbia dei cittadini

Le aziende e le imprese in Estonia interpretano l'inflazione in modo diverso. Pertanto, alcune aziende hanno trovato la risposta nell'aumentare i prezzi dei loro prodotti.

Un gran numero di dipendenti ha iniziato a chiedere salari più alti dai datori di lavoro. Il portale estone"Aripaev" ha recentemente annunciato che la società svedese "Ericsson" è sotto pressione da parte dei dipendenti, che chiedono salari più alti.

Se le aziende continuano ad aumentare i prezzi e i lavoratori continuano a chiedere salari più alti, potrebbe creare un mal di testa a lungo termine per le banche centrali e i responsabili delle politiche fiscali.

Video del giorno