L'estrema destra israeliana è entrata in una coalizione con Netanyahu

L'estrema destra israeliana/ Foto EPA-EFE/ABIR SULTAN

Il mandato per formare il nuovo governo israeliano, Benjamin Netanyahu, ha raggiunto un accordo di coalizione con il partito Noam, guidato da Avi Maoz, il parlamentare sessista di estrema destra noto per la sua comunità anti-LGBTQ-plus e per le opinioni anti-arabe.

In base all'accordo di coalizione siglato ieri sera, Maoz sarà il viceministro incaricato della Jewish Identity Administration, che deve ancora essere costituita.

Una delle organizzazioni che Maoz supervisionerà è Nativ, responsabile dei migranti ebrei dall'ex Unione Sovietica verso Israele.

Il futuro viceministro ha affermato di voler limitare la possibilità di immigrazione ebraica, in modo tale che i nipoti di ebrei che non sono ebrei non abbiano il diritto di immigrare in Israele. Molti immigrati dall'ex Unione Sovietica ottengono la cittadinanza attraverso i loro nonni ebrei, il che significa che se Maoz prende il controllo dell'immigrazione non sarà più possibile.

Il partito conservatore Likud di Netanyahu ha concordato pochi giorni fa che l'ultra-destra Itamar Ben-Gvir fosse il ministro della sicurezza nazionale.

Il nuovo accordo con Maoz avvicina Netanyahu alla formazione del governo più intransigente nella storia di Israele, che consisterà solo di partiti ebraici di destra, di estrema destra, religiosi e ultraortodossi, hanno riferito i media israeliani.

Il partito di Maoz ha sottolineato nella campagna pre-elettorale che gli insegnanti arabi nelle scuole ebraiche contribuiscono alla cancellazione dell'identità ebraica.

Maoz è contro la partecipazione delle donne nelle unità di combattimento dell'esercito israeliano e, tra l'altro, per aver legalizzato la separazione degli uomini dalle donne negli eventi pubblici.

L'accordo di Netanyahu con Maoz è stato aspramente condannato dai politici della coalizione uscente, che l'hanno definito razzista.

Il primo ministro in carica Yair Lapid, leader del partito centrista There Is A Future (Yesh Atid), ha affermato che l'accordo è stato "a dir poco una follia, e che ogni giorno che passa sembra che il governo non sarà solo completamente di destra, ma completamente folle." ".

Il ministro della Difesa uscente Benny Gantz ha annunciato su Twitter che avrebbe "combattuto contro il governo estremista di Netanyahu con ogni mezzo".

La mossa di Netanyahu è stata criticata anche dai legislatori del partito laico di destra Yisrael Beitenu (Israele nostra casa), che fa parte della coalizione uscente e rappresenta principalmente gli immigrati dall'ex Unione Sovietica.

Aguda, l'associazione per l'uguaglianza LGBTQ-plus in Israele, ha stimato che l'inclusione di Maoz nel futuro governo di Israele sia il punto più basso a cui è caduto il paese perché è ossessionato dal togliere i diritti ai membri di quella comunità e legittimare l'odio contro la loro appartenenza.

I media israeliani hanno commentato che l'inclusione di Moaz nella coalizione di governo non è essenziale perché il leader del Likud ei suoi alleati hanno 64 mandati su 120 seggi in Parlamento, e Moaz è l'unico membro della Knesset del partito Noam.

Video del giorno