La CE rifiuta di scendere a compromessi sull'ammissione della Bulgaria all'Eurozona

CE/ Archivio fotografico

Il commissario europeo per gli affari finanziari, Paolo Gentiloni, si aspetta che la Bulgaria diventi il ​​21esimo membro dell'Eurozona "ad un certo punto" il prossimo anno, ha riferito "SEGA.bg.news". L’Europa si aspetta che la Bulgaria soddisfi tutti i criteri per l’accettazione dell’euro e non è disposta a scendere a compromessi. Dalle parole di Gentiloni è apparso chiaro che fino a quando il Paese non avrà soddisfatto i criteri di inflazione, non potrà contare su un invito ad aderire all'Eurozona.

"La Bulgaria soddisferà sicuramente tre dei criteri. Il quarto, legato all’inflazione, non è stato ancora raggiunto. Ma siamo ottimisti sul fatto che entro la fine dell’anno anche la Bulgaria sarà in grado di soddisfare questo criterio", ha affermato il commissario europeo per gli affari finanziari.

Dall'inizio di quest'anno, l'NSI ha segnalato un forte rallentamento del tasso di crescita dei prezzi dei beni di consumo nel paese, con un'inflazione annua registrata solo al 2,4% in aprile. Tuttavia, si prevede che il tasso di inflazione medio annuo per il 2024 supererà il criterio di ingresso nell’area dell’euro – non più di 1,5 punti percentuali sopra l’inflazione dei 3 Stati membri con i migliori risultati.

Pertanto, ci si aspetta un rapporto negativo da parte della Banca Centrale Europea e della Commissione Europea a giugno sulla disponibilità del nostro Paese a sostituire la sinistra con l’euro a partire dal 1° gennaio 2025. Le speranze dei sostenitori dell’euro sono di entrare nell’eurozona a partire dalla metà del 2025.

Gentiloni ha negato che la Commissione Europea o la BCE abbiano finora rifiutato le condizioni per l'adesione all'eurozona, inclusa la Croazia, ammessa un anno fa con un'inflazione piuttosto elevata, superiore al 10%.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno