Edward Joseph: Biden può fermare le molestie bulgare di S. Macedonia, concepito a Mosca

Edward Joseph, esperto della situazione nei Balcani / Foto: MIA

L'estremo nazionalismo bulgaro ha un obiettivo globale: negare l'identità macedone. La soluzione è che gli Stati Uniti (e alleati come la Gran Bretagna, che potrebbe seguire l'esempio di Washington) concludano un accordo culturale bilaterale con la Macedonia del Nord che confermi l'identità macedone. L'accordo potrebbe essere concluso rapidamente, secondo il Dialogo strategico aperto di recente tra gli Stati Uniti e la Macedonia del Nord, afferma un influente analista Edoardo Giuseppe in analisi della disputa bulgaro-macedone e le sue implicazioni per la sicurezza balcanica ed europea.

Secondo Joseph, Sofia sta compiendo "molestie in stile russo" contro S. Macedonia, bloccando l'avvio dei negoziati del Paese con l'Ue. L'analista nel testo di "Politica esteraDice che i politici filo-russi in Bulgaria, come il presidente, sono responsabili di questo Rumen Radev e l'ex primo ministro Boyko Borisov.

Joseph lo dice con un certo declino del governo filo-occidentale Kiril Petkov (il testo è stato pubblicato prima di oggi voto di sfiducia al governo nel parlamento bulgaro), al potere nel Paese sarà praticamente il presidente Radev, che, come prima, sfrutterà il nazionalismo per mantenere la disputa e le tensioni, esattamente come si addice a Mosca.

Secondo Joseph, Washington non deve permettere che si realizzi il piano del presidente francese Macron, che a suo avviso è completamente a favore della parte bulgara. Secondo l'analista, il presidente Biden dovrebbe lavorare su un'aggiunta alla proposta francese, che imporrà un certo prezzo alla Bulgaria per la sua aggressione d'identità contro il suo vicino più piccolo.

"Il testo chiave sarà preso in prestito dall'articolo 7 dell'accordo di Prespa, un accordo rispettato dall'altra parte dell'Atlantico. STATI UNITI D'AMERICA. Il governo degli Stati Uniti semplicemente "riconoscerà che il popolo macedone ha la propria storia, cultura, eredità e lingua macedone" - precisamente l'identità che i nazionalisti bulgari vogliono cancellare. In risposta, è probabile che Radev attacchi gli Stati Uniti e mobiliti proteste antiamericane. "È qualcosa che vale la pena assorbire per proteggere gli interessi americani", ha detto Edward Joseph.

Conclude che il modo per emarginare l'influenza filo-russa in Bulgaria è finalmente portare via la "mappa macedone offensiva" di Radev e dei suoi associati.

"Primo, mentre Radev ha in mano la carta macedone, Petkov rimane vulnerabile. La proposta francese non rimuove in alcun modo la capacità di Sofia di esercitare pressioni su Skopje, il che significa che Radev può esercitare pressioni su Petkov o su qualsiasi governo filo-occidentale. "Il modo per emarginare l'influenza filo-russa in Bulgaria è finalmente portare via la mappa offensiva macedone di Radev e dei suoi associati".

L'analista stima che i "nazionalisti filo-russi" nei Balcani come Radev e il suo omologo serbo Aleksandar Vuќi., infatti, non hanno alcuna opzione strategica in Russia.

"Era esattamente prima del 24 febbraio e lo è ancora di più dopo la catastrofica invasione russa dell'Ucraina. La rete di relazioni con l'Occidente è troppo forte per recidere i legami. Proprio come Vucic usa la mappa del Kosovo per mantenere la sua ipocrisia, così Radev e i suoi simili usano la questione macedone per mantenere la Bulgaria divisa tra tendenze filo-russe e filo-occidentali. Questo è esattamente ciò che Petkov vuole concludere con la premiere. Ma non può farlo senza limitare esteriormente il nazionalismo offensivo.

"Fornendo una forte difesa politica all'identità della Macedonia del Nord - simile all'assistenza militare nei 'muscoli' per difendere il territorio di una nazione - la Bulgaria affronterebbe la realtà: l'insensata futilità della sua missione. "Così come Putin non riesce a convincere gli ucraini che in realtà sono russi, Radev e compagnia non possono chiedere ai macedoni di avviare il processo di consegna della loro identità alla Bulgaria".

Video del giorno