Blinken e Lavrov si incontreranno nel centro diplomatico del mondo?

Al più grande evento politico e di sicurezza del mondo, il Consiglio ministeriale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), che si terrà presso il Centro sportivo "Boris Trajkovski", delegazioni a livello di ministri degli affari esteri provenienti da oltre 70 Sono attesi paesi provenienti da 57 paesi, membri dell’OSCE e paesi partner dei gruppi mediterranei e asiatici

Domani, dopodomani e venerdì, Skopje ospiterà il più grande evento politico e di sicurezza del mondo, il Consiglio ministeriale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), che si terrà presso il Centro sportivo "Boris Trajkovski", dove Sono attese delegazioni di alto livello di ministri degli affari esteri provenienti da oltre 70 paesi, ovvero da 57 paesi membri dell'OSCE e paesi partner dei gruppi mediterranei e asiatici. Il fatto che il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov si troveranno nello stesso posto e nello stesso momento attira l'attenzione di tutto il mondo, quindi ci sono massicce speculazioni sulla possibilità che il loro incontro avrà luogo, che sarebbe il primo incontro del genere tra gli Stati Uniti e la Russia dopo l’aggressione russa contro l’Ucraina nel febbraio 2022. Secondo le dichiarazioni ufficiali sia della parte russa che di quella americana, questo incontro non avrà luogo, ma nulla è escluso. Dopo l’aggressione russa, i funzionari statunitensi evitano le comunicazioni con le loro controparti russe. Lavrov e Blinken si sono incontrati solo una volta, brevemente, al vertice del G-20 di quest’anno a marzo.

Il ministro degli Esteri ucraino Dimitri Kuleba invece si è rifiutato di partecipare al vertice dopo la conferma della partecipazione di Lavrov, ma verranno i rappresentanti del Ministero degli Esteri ucraino. Dopo la cancellazione dell'Ucraina, anche Estonia, Lettonia e Lituania hanno cancellato per gli stessi motivi, perché in precedenza Russia e Bielorussia avevano impedito la candidatura dell'Estonia alla presidenza dell'OSCE nel 2024, quindi Malta è stata proposta come candidato di compromesso, cosa che negli Stati baltici è considerato per il "trionfo russo".

Protagonisti Blinken e Lavrov

Il Consiglio dei ministri dovrebbe prendere le decisioni essenziali sul futuro dell'OSCE, da cui dipende la sopravvivenza di questa organizzazione, creata dopo la Seconda Guerra Mondiale per smorzare le tensioni nei rapporti Est-Ovest. È necessario eleggere Malta per la futura presidenza di turno, ma resta da raggiungere un consenso sui futuri quattro leader esecutivi dell’OSCE: il Segretario generale, il Direttore per le istituzioni democratiche e i diritti umani, il Commissario per le minoranze e il Rappresentante per Libertà dei media.
Il ministro russo Lavrov ha dichiarato in una conferenza stampa a Mosca che le possibilità di salvare l'OSCE sono scarse.

- La Macedonia ci ha invitato al Consiglio dei Ministri degli Esteri dell'OSCE. Vedremo come interagiscono. Ci sono già state diverse richieste di incontri, anche da parte di funzionari occidentali. Naturalmente incontreremo tutti. Possiamo ancora tentare di salvare l'OSCE, ma, a dire il vero, le possibilità che ciò accada sono scarse - ha detto Lavrov.

La riunione ministeriale dell'OSCE inizierà domani sera con una cena informale dei ministri degli Affari esteri, che si terrà in un hotel di Skopje, dopodiché giovedì si terrà la riunione di lavoro principale e venerdì la conferenza stampa finale. .
Il capo della diplomazia americana Blinken parlerà al vertice del ruolo dell'Organizzazione nella promozione della sicurezza nella regione e ringrazierà la Macedonia per il suo ruolo di leadership.

- Durante la visita in Macedonia del Nord, il Segretario di Stato si incontrerà con i colleghi dell'OSCE per riaffermare il fermo impegno degli Stati Uniti nell'OSCE e la missione principale dell'organizzazione di promuovere la sicurezza, la stabilità e la cooperazione tra gli Stati, con un particolare enfasi sui diritti umani e sulla risoluzione pacifica delle controversie - ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato, Matthew Miller.

Il sottosegretario di Stato americano per l'Europa e l'Eurasia, James O'Brien, ha tuttavia informato che Blinken parlerà anche del sostegno degli Stati Uniti e dei loro alleati all'Ucraina.

Osmani: L'elezione di Malta non è una vittoria russa

Il portale di Bruxelles "Politico" scrive che la notizia dell'accordo preliminare per l'elezione di Malta come nuovo presidente sta suscitando critiche nei Paesi Baltici e in Ucraina. Il ministro degli Esteri macedone Bujar Osmani, che come attuale presidente dell'OSCE ha mediato l'accordo, ha dichiarato a "Politico" che non considera il compromesso una vittoria per la Russia. Dice di aver provato tutte le soluzioni possibili e inizialmente ha sostenuto pienamente l'Estonia, ma ha dovuto trovare un candidato di compromesso.

– Abbiamo vinto, nel mondo democratico, coloro che seguono l’ordine internazionale basato su regole. E con questo accordo l'organizzazione è salva - ha detto Osmani.

L’organizzazione è stata criticata a Bruxelles per aver sopravvissuto al suo scopo e non essere riuscita a fermare la guerra in Ucraina, ma diversi funzionari, tra cui Osmani, hanno insistito sul fatto che l’OSCE potrebbe svolgere un ruolo chiave nel monitorare qualsiasi potenziale cessate il fuoco o accordo di pace.

- Penso che l'OSCE entrerà in azione se ci sarà la pace in Ucraina - ha detto Osmani ai media di Bruxelles.

Alla domanda su chi incontrerà Lavrov, visto che il capo della diplomazia russa sostiene che alcuni paesi occidentali avrebbero chiesto di incontrarlo mentre si trova a Skopje, Osmani ha rifiutato di rivelare l'agenda, aggiunge "Politico".

Skopje sotto stretta sorveglianza

Della sicurezza a Skopje nei prossimi giorni si occuperà la polizia, ma anche l'esercito, che parteciperà al trasporto degli ospiti di alto rango dall'aeroporto alla città. Per l'intero vertice statale l'obiettivo è garantire la sicurezza delle delegazioni e il successo dell'incontro.

Il ministro dell'Interno, Oliver Spasovski, afferma che per il vertice è previsto un terzo livello di sicurezza. Parte delle principali strade cittadine che conducono alla CRS "Boris Trajkovski" saranno chiuse al traffico.

- Ci saranno spostamenti difficili, soprattutto a Centar ea Karposh, dove si svolgerà l'intera manifestazione. Chiediamo innanzitutto ai cittadini di avere pazienza e di rispettare gli ordini che verranno emessi dalle autorità, perché è un bene per tutti noi ed è un bene per lo svolgimento sicuro di tutta questa manifestazione. Non ci sarà una chiusura completa delle strade, ma solo a determinati intervalli e, nonostante le difficoltà di movimento, i cittadini potranno svolgere i loro compiti - ha detto Spasovski.

Per l'organizzazione dell'evento è stato formato un team speciale, di cui fanno parte diverse istituzioni governative, e secondo Spasovski la preparazione per il vertice dura un anno intero.

- È un'azione ampia che dobbiamo svolgere dal punto di vista della sicurezza e tutti i servizi sono completamente preparati. Mi aspetto che tutto andrà nel miglior ordine possibile - ha detto il Ministro degli Interni.

Una grande occasione per l’affermazione dello Stato

Il Consiglio degli Ambasciatori ha espresso il suo grande apprezzamento per l'attività del Governo, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dell'Interno e delle altre istituzioni statali, che si impegnano al massimo per il successo della 30a Riunione dei Ministri dell'OSCE.

- Il ruolo e l'importanza dell'OSCE sono particolarmente importanti nel contesto della tesa situazione geopolitica in termini di sicurezza, causata dalle azioni militari in Ucraina e Israele e dal rischio di loro propagazione in altri paesi o regioni. Pertanto, l’OSCE e tutti i membri dell’organizzazione, e in particolare il presidente e lo Stato che gli succederà, devono compiere sforzi intensi per rivitalizzare e rafforzare l’efficacia e l’efficienza dell’organizzazione e per attualizzare il suo ruolo di prevenzione o mediatore dei conflitti, facilitatore o conciliatore degli Stati avversari - ha dichiarato il Consiglio degli Ambasciatori.

Il Consiglio valuta che l'organizzazione di un evento di questa portata, di cui la Macedonia del Nord è l'attuale presidente dell'OSCE, costituirà un'occasione per l'affermazione dello Stato e delle sue capacità democratiche e organizzative.

- Tenendo presente l'importanza dell'incontro dei ministri degli Esteri e delle altre delegazioni, circa settanta in totale, Skopje e l'intero paese saranno oggetto di interesse di un gran numero di giornalisti, mezzi di informazione, politici e cittadini dell'Europa e del mondo in questi giorni. Il successo dell'organizzazione di un evento di questa portata contribuirà all'affermazione delle capacità democratiche e organizzative della Repubblica della Macedonia del Nord e sarà un vanto per tutti i cittadini - si legge nell'annuncio del Consiglio degli Ambasciatori.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno