Johnson affronta nuove richieste di dimissioni

Boris Johnson / Foto di JESSICA TAYLOR / AFP / Profimedia

Un deputato conservatore ha presentato oggi una lettera di sfiducia a Boris Johnson, e un altro si è dimesso da Assistente Segretario degli Interni, esercitando nuove pressioni sul Primo Ministro a causa di feste illegali nella sua residenza di Downing Street durante il blocco dovuto alla pandemia, scrive Reuters.

Bob Neal, presidente della commissione parlamentare per la giustizia, ha affermato che un rapporto ufficiale del partito pubblicato mercoledì ha mostrato un modello di "comportamento inaccettabile" per mesi durante la crisi del coronavirus britannico e ha affermato di non ritenere credibili le spiegazioni di Johnson.

"La fiducia è lo strumento più importante in politica, ma questi eventi hanno minato la fiducia non solo nell'ufficio del primo ministro, ma anche nel processo politico stesso", ha affermato Neil in una nota. "Per ripristinare quella fiducia e andare avanti, è necessario un cambio di leadership".

Johnson ha detto dopo la pubblicazione del rapporto di essersi assunto la responsabilità degli eventi ma si è rifiutato di fare marcia indietro.

Un altro deputato conservatore, Paul Holmes, aveva precedentemente affermato che si sarebbe dimesso dal suo ruolo di governo di segretario privato parlamentare presso il Ministero dell'Interno per concentrarsi sul suo "ruolo iniziale" di lavorare per gli elettori.

"Mi è chiaro che questi eventi hanno creato una profonda sfiducia sia nel governo che nel Partito conservatore. "È inquietante per me che questo lavoro per tuo conto sia stato offuscato da una cultura tossica che sembrava essersi infiltrata a Downing Street", ha detto Holmes in una dichiarazione.

Altri conservatori hanno affermato questa settimana di aver inviato lettere per chiedere un voto di fiducia a Johnson al presidente del comitato del partito dal 1922, il che sarebbe scattato se fossero state scritte 54 di queste lettere.

Le lettere sono riservate, quindi solo il presidente del Comitato del 1922 sa quante siano state effettivamente inviate.

Tuttavia, Holmes ha confermato a Reuters di non aver scritto una lettera in cui esortava Johnson a dimettersi.

Video del giorno