Per la lotta agli incendi la SSO mette a disposizione due "trattori aerei", ma c'è un solo pilota

Foto: Free Press / Riste Pejovski

In questa stagione, due "trattori aerei" della Direzione per la Protezione e il Soccorso saranno in piena funzione per spegnere gli incendi, ma per ora c'è un solo pilota che sarà coinvolto nella lotta contro gli incendi che si verificano ogni giorno sul territorio di Paese. La SSO informa che i trattori aerei sono stati inviati ad un centro di assistenza in Croazia e arriveranno entro la fine di questo mese, ma la licenza del terzo scade a luglio.

-Due dei tre piloti coinvolti l'anno scorso con i "trattori aerei" nello spegnimento di grandi incendi sono andati in pensione, quindi si prevede che il nuovo governo ed eventualmente la nuova direzione della SSO trovino una soluzione di compromesso in termini di stipendio e di lavoro secondo un accordo con entrambi i piloti in pensione in modo che possano tornare e pilotare l'aereo, informa la SSO per "Sloboden Pechat".

A causa di questa situazione nella SSO da CMC ha informato ieri che non stanno progettando i "trattori aerei" per impegnarsi nella lotta antincendio, e poiché i piloti in pensione hanno chiesto un compenso di 3.000 euro al mese, non è sicuro se riceveranno un nuovo incarico dopo la formazione del governo. Si tratta di uno staff pilota specifico e carente che di fatto manca ovunque nel mondo.

All'ultima competizione in DSZ sono stati accettati 4 piloti, di cui solo uno è rimasto, mentre due non hanno superato l'addestramento all'estero e il terzo si è ritirato. La Direzione in realtà necessita di un minimo di 6 piloti, ma la procedura non è semplice perché richiedono piloti professionisti con un certo numero di ore di volo che poi frequentano diversi mesi di addestramento per "trattori aerei".

"Mi piacerebbe anche essere un pilota, ma non è facile essere un pilota", ha commentato ieri con sarcasmo il consigliere di Stato della CMC Dragi Tarchugovski e ha spiegato: "Essere su un "trattore aereo" è ancora più difficile che essere un pilota di un normale aereo commerciale che trasportava un centinaio di passeggeri. Poiché deve riempire l'acqua in volo, deve scaricare l'acqua in un punto ben determinato, è uno dei mestieri più complicati. Sono stati pagati in base alle possibilità che abbiamo in questo momento."

Stojanovski e Tarchugovski del CMC/Foto: Sloboden Pechat/Dragan Mitreski

- Considerando il fatto che avremo temperature elevate che probabilmente causeranno incendi, e le nostre risorse sono limitate nel Paese, considerando il fatto che i "trattori aerei" non sono funzionanti quest'estate e non possiamo aspettarceli, ci restano 3 elicotteri a nostra disposizione il Ministero dell'Interno e un elicottero delle Forze Armate, interventista, perché è operativo e quando ci saranno situazioni del genere, ovviamente potremo usarlo, ha detto Goran Stojanovski, capo delle operazioni e coordinamento Dipartimento del CMC.

Secondo lui, critica è anche la situazione nel PE "National Forests", dove il bilancio è vuoto e attualmente non hanno mezzi finanziari per acquistare carburante, il che rende loro impossibile andare sul campo e intervenire per estinguere la foresta. incendi.

- Resta da affidarsi esclusivamente alla Brigata e alle unità TPPE che abbiamo nei comuni, nonché alle società di volontariato antincendio, nonché al Ministero dell'Interno. Queste sono le risorse che attualmente abbiamo a nostra disposizione. Vedremo come sarà in futuro, se il governo farà qualcosa in questa direzione e metterà a disposizione fondi aggiuntivi per le "Foreste nazionali", esclusivamente per spegnere gli incendi boschivi su larga scala in aperta pianura, ha sottolineato Stojanovski.

Nelle ultime 11 ore sono stati registrati XNUMX incendi all'aperto e tutti sono stati spenti, ha annunciato questa mattina la CMC. Sono bruciate soprattutto erba secca e vegetazione bassa, e si sono verificati anche incendi in discariche selvagge.

 

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno