Per due giorni non è stato possibile ricaricare la carta o pagare con il telefono sull'autobus, la JSP ha taciuto che avevano un problema

Jsp/foto Slobodan Pechat/Slobodan Djuric

Per due giorni i cittadini di Skopje che utilizzano i servizi della JSP "Skopje" non hanno potuto pagare l'autobus telefonicamente, perché le validatrici non hanno letto le telefonate al 185, il numero attraverso il quale si effettua il pagamento elettronico dei biglietti. Era possibile pagare solo con le carte "Skopska".

A rendere il problema ancora più grande, chi aveva bisogno di ricaricare la propria carta non ha potuto farlo né ieri né stamattina perché ci sono stati problemi con le biglietterie e i negozi dove è possibile effettuare la ricarica. Secondo la spiegazione di una impiegata della biglietteria, ieri hanno trascorso l'intera giornata con le "mani incrociate" perché, secondo lei, l'azienda aveva un problema con la connessione internet (?).

I cittadini solitamente rimanevano senza alcuna informazione da parte di JSP riguardo all'esistenza di un problema, quindi dopo diversi tentativi infruttuosi di pagare telefonicamente, confusi, si rivolgevano agli autisti chiedendo consigli su come procedere.

Non ho potuto pagare telefonicamente perché prima non potevo nemmeno ricaricare la carta. Ho chiesto all'autista se aveva una tessera da comprare sull'autobus, mi ha offerto solo 120 denari. Non ho comprato, con tutto il rischio che entrassero i controllori. Pago sempre bene e stamattina, non per colpa mia, ma per problemi con la JSP, ho dovuto pagare come "penale" un biglietto tre volte più caro. Fortunatamente l'autista è stato comprensivo con tutti noi che non potevamo pagare e non abbiamo insistito per acquistare i biglietti. Ha affermato che non avremo problemi con i controllori - Maria di Karposh ha raccontato la sua "avventura" mattutina sugli autobus JSP.

Il problema alle biglietterie è stato risolto stamattina e, sull'accaduto, la JSP ha deciso di non rispondere, come più volte in passato. Finora non c'è risposta alla domanda sul perché non abbiano informato i cittadini che utilizzano quotidianamente i loro servizi che non possono né pagare telefonicamente né ricaricare la carta. Oppure temevano che, se avessero annunciato di avere un problema, i passeggeri che avevano la tessera elettronica completa avrebbero avuto la possibilità di viaggiare gratis almeno una volta.

I cittadini non hanno altra modalità per pagare il biglietto per una sola corsa se non tramite telefono e carta elettronica. Da diversi anni sugli autobus non circolano più i biglietti cartacei per una corsa, che costano 50 denari e la cui introduzione in servizio è stata pomposamente annunciata dall'azienda pubblica cittadina. Dopo che il primo giro di biglietti ordinati fu esaurito, gli altri non furono più ammessi a bordo degli autobus. Perché? - da JSP non rispondono. L'unico biglietto disponibile sull'autobus è il biglietto giornaliero, che costa 120 denari.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno