Due aerei con diplomatici russi sono volati da Sofia a Mosca: nessuno degli espulsi ha operato contro la Bulgaria

I diplomatici russi con le loro famiglie hanno lasciato la Bulgaria/Foto: Screenshot/Video BGNES

È con gratitudine che lascio la Bulgaria e i bulgari con cui collaboro da molti anni, il Ministro Plenipotenziario della Federazione Russa a Sofia, Filip Voskresenski, che è uno dei i diplomatici russi espulsi.

Alla domanda su come commenterà la decisione del governo bulgaro, ha affermato che l'ambasciata russa in Bulgaria ha già rilasciato un commento ufficiale su quanto accaduto, ovvero la dichiarazione di 70 diplomatici e funzionari russi come persona non grata.

- Un enorme ringraziamento ai bulgari che in questi giorni ci hanno espresso grande sostegno e non solo", ha detto Voskresenski e ha aggiunto: "Nessuno degli espulsi ha funzionato contro la Bulgaria. La nostra espulsione è illegale e arrogante. Abbiamo lavorato solo per lo sviluppo delle relazioni russo-bulgare, abbiamo lavorato onestamente e apertamente".

Ha indicato che tra coloro che stanno partendo ci sono i consoli generali a Ruse e Varna, nonché il personale ausiliario dell'ambasciata a Sofia. E la questione se la missione a Sofia sarà chiusa sarà decisa dal presidente della Federazione Russa, ha sottolineato Voskresenski.

Oggi due aerei della Federazione Russa sono arrivati ​​all'aeroporto di Sofia per portare in patria i 70 diplomatici e rappresentanti diplomatici espulsi dalla Bulgaria, nonché i loro parenti.

Secondo informazioni non confermate, il numero totale di cittadini russi che lasciano la Bulgaria oggi è di circa 170 persone.

I due aerei sono decollati alle 15:15 e alle 30:2 locali. I voli sono dall'aeroporto di Sofia all'aeroporto di Mosca Vnukovo. Al Terminal XNUMX sono stati previsti quattro banchi check-in per i passeggeri.

Il 28 giugno, il primo ministro dimissionario Kiril Petkov ha annunciato che la Bulgaria avrebbe ritirato 70 diplomatici e rappresentanti diplomatici russi.

"Stiamo ritirando 70 diplomatici russi. Tutti coloro che lavorano per interessi stranieri saranno chiamati a tornare nel paese da cui provengono", ha detto Petkov, che si è congratulato con i servizi per il loro buon lavoro.

La maggior parte dei russi è arrivata all'aeroporto con gli autobus organizzati dalla rappresentanza diplomatica della Federazione Russa in Bulgaria. Tuttavia, alcuni di loro sono arrivati ​​anche in auto e furgoni.

Secondo i media bulgari, per non disturbarli, è aumentata la presenza della polizia nell'edificio dell'aeroporto di Sofia, nella lounge del Terminal 2.

Video del giorno