Il DUI realizza i propri film: il primo ministro Ahmeti, il presidente Osmani, il portavoce di Sela!

Ali Ahmeti, campagna Foto: Facebook Grubi

La sessione è stata aperta da Ahmeti e dopo la verifica dei mandati, Ziyadin Sela è stato eletto Presidente dell'Assemblea. Poi 120 deputati hanno votato gli emendamenti costituzionali e la nuova composizione parlamentare è stata inaugurata dal nuovo presidente dello Stato, Bujar Osmani.

Mentre ieri i partiti accendevano i motori in campagna elettorale per le elezioni parlamentari dell'8 maggio, il Fronte europeo guidato dal leader della DUI Ali Ahmeti come se non avesse bisogno di campagna, perché ha già costituito la nuova composizione parlamentare: ha eletto il presidente dell'Assemblea - Zijadin Sela, ma anche un nuovo capo di Stato - Bujar Osmani. Il Fronte Europeo ha iniziato la campagna con una simulazione della prima sessione costitutiva del parlamento.

Ziyadi Sela, campagna Foto: Facebook Grubi

La seduta è stata aperta da Ahmeti e, come previsto dal Regolamento del Parlamento, la commissione di verifica verifica i mandati dei nuovi deputati. Ziyadin Sela dell'Alleanza per gli Albanesi è stato eletto Presidente dell'Assemblea. Poi è seguito il punto più importante: la votazione sulle modifiche costituzionali con le quali i popoli bulgaro, croato, montenegrino, sloveno, ebraico ed egiziano sono entrati a far parte della Costituzione, e a favore hanno votato 120 deputati. Nella stessa sessione, la nuova composizione parlamentare del Fronte europeo ha inaugurato il nuovo presidente dello Stato, Bujar Osmani. Dopo l'intervento di Osmani si è conclusa la prima sessione costitutiva dell'Assemblea.

Bujar Osmani, campagna Foto: Facebook Grubi

Dalla simulazione della sessione costituente diretta da Ahmeti non era chiaro se fosse lui il primo ministro, perché in precedenza l'inizio della campagna per le elezioni parlamentari era stato annunciato dal vice primo ministro Artan Grubi attraverso Facebook, con lo slogan “Ali Ahmeti, un primo ministro per tutti”.

– Il nostro Paese dovrebbe lottare per la pace con tutti i paesi della regione, sforzarsi di cambiare la Costituzione e incorporare le piccole comunità che vivono in questo paese come categoria costituzionale che avrebbe un impatto significativo. Sosteniamo all'unanimità la modifica della Costituzione, sosteniamo dopo cinque anni che l'attuale presidente lanci un'iniziativa per l'elezione del capo dello Stato in Parlamento. Siamo una repubblica parlamentare e la democrazia parlamentare deve essere realizzata, il futuro presidente dovrebbe essere eletto dalla maggioranza dei parlamentari, con il principio di Badenter, quindi, signor Presidente, diamo pieno sostegno affinché i cambiamenti in questo Paese vadano avanti - disse Ahmeti.

Olaf Scholz ha sostenuto l'SDSM

L'SDSM e la coalizione per il futuro europeo hanno lanciato la campagna con lo slogan "Non si può arrendersi al futuro", e il leader Dimitar Kovacevski è convinto di una grande vittoria e successo per la Macedonia europea, che sarà lui a guidare il nuovo governo e che porterà il paese nell’UE al più tardi entro il 2030.
Kovacevski ha ripetuto che sono consapevoli del gran numero di errori commessi e se ne assume la responsabilità.

Campagna SDSM/Foto: "Sloboden Pechat"/Slobodan Djuric

- Sappiamo che i cittadini sono delusi dall'aumento dei prezzi, dalla corruzione, dall'arbitrarietà, dall'inazione e dagli abusi di alcuni politici. Sì, i cittadini hanno ragione e accetto la loro critica agli errori commessi. Solo chi è autocritico e consapevole dei propri errori ha il potere di correggerli. Per questo motivo abbiamo creato un piano solido e realizzabile che si tradurrà nel nostro programma per i prossimi quattro anni - ha affermato Kovacevski, ma ha anche annunciato una lotta definitiva, decisiva e più efficace contro la criminalità e la corruzione.

L’obiettivo principale rimane l’adesione all’UE e, secondo Kovacevski, l’UE è l’unico modo per cambiare le cose in meglio. Non ha mancato di criticare il VMRO-DPMNE, al quale ha spiegato che "le manipolazioni fatte uno dietro la porta e l'altro per strada, non governano uno Stato".
L'evento organizzato al Museo d'Arte Contemporanea prevedeva un discorso video di un membro del partito gemello tedesco PES, Olaf Scholz, con il messaggio che un'UE forte richiede il processo di allargamento alla Macedonia del Nord e ai paesi dei Balcani occidentali.

VMRO-DPMNE e la coalizione tradizionalmente iniziano la campagna da Ohrid. Il capo Hristijan Mickoski hanno affermato che condurranno una campagna positiva che ripristinerà la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e che lasceranno il cuore nella terra per gli interessi dei cittadini macedoni.

Christian Mickoski, campagna, Foto: Mickoski Facebook

- Dopo sei anni e mezzo di distruzione, criminalità, umiliazione, saccheggio delle istituzioni, saccheggio della Macedonia, vogliamo condurre una campagna che restituisca speranza ai cittadini. Ci rendiamo conto che manca la speranza... Fatta eccezione per alcuni della DUI e qualche furfante della direzione dell'SDSM, tutti gli altri cittadini hanno la sensazione di essere cittadini di seconda classe. Tutto questo deve finire, ma dopo l'8 maggio ci sarà la responsabilità di tutto quello che è successo negli ultimi sei anni e mezzo... Siamo motivati, desiderosi di dimostrare che lasciamo il cuore a terra per gli interessi dei cittadini e della Macedonia - ha detto Mickoski.

La coalizione “degna” si affida all’“autodeterminazione” del Kosovo

Fronte europeo / Foto: "Free Press" / Dragan Mitreski

La coalizione "Vredi", invece, con il vento in poppa prima dell'inizio della campagna per le elezioni parlamentari, ha chiesto ancora una volta l'aiuto dei funzionari kosovari del governo "Samoopdelevuje". Ora il loro ospite era il Presidente dell'Assemblea del Kosovo, Glauk Konjufca. Lui, insieme ai vertici di “Vredi” Arben Taravari, Bilal Kassami, Afrim Gashi, Izzet Majiti e il candidato alla carica di deputato, Bekim Qoku, ho fatto una passeggiata lungo il vecchio bazar di Skopje. I leader hanno immortalato l'incontro con foto e video con Konjufca, che hanno pubblicato sui loro profili Facebook.
La sinistra parteciperà alle elezioni con lo slogan "Incorruttibile al Parlamento".
17 partiti e coalizioni partecipano alle elezioni parlamentari per l'undicesima assemblea. Per la prima volta vi sarà una coincidenza di diversi giorni di campagna per le elezioni presidenziali e parlamentari. È anche caratteristico che, durante il silenzio per le elezioni presidenziali, continuerà la campagna per le elezioni parlamentari.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno