Oggi si festeggia Sant'Onesimo Apostolo

Foto: Santo Apostolo Onesimo

Uno dei settanta apostoli. Era schiavo di Filemone, uomo ricco e rispettabile nella città di Colossae in Frigia, ma qualcosa andò storto con il suo padrone e fuggì a Roma, dove udì il Vangelo dall'apostolo Paolo e fu battezzato. Ebbene, poiché Paolo aveva precedentemente portato Filemone alla vera fede, ora ha riconciliato questi due, Filemone e Onesimo, il padrone e lo schiavo, scrivendo un'epistola speciale a Filemone, uno degli scritti più commoventi delle Scritture. "Ti prego", scrive, "per mio figlio Onesimo, che ho portato nelle mie catene... Forse per questo si è separato da te per un po', affinché tu lo riceva per sempre, non più schiavo ma più che schiavo , come un fratello innamorato." Mosso da questa lettera, Filemone in realtà accettò Onesimo come fratello e lo liberò dalla schiavitù. In seguito Onesimo fu nominato vescovo dagli stessi apostoli e, dopo la morte dell'apostolo Timoteo, ricevette la sede di Efeso. Questo può essere visto dall'epistola di Sant'Ignazio il Godbearer. Al tempo della persecuzione di Traiano, Onesimo era già un anziano. Fu arrestato e portato a Roma. Qui è apparso davanti al giudice Tertull, ha scontato la pena detentiva e alla fine è stato ucciso con una spada. Il suo corpo fu preso da una donna ricca, deposto in una bara d'argento e sepolto con onore nel 109.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno