Oggi si festeggia San Cirillo, maestro di slavo

San Cirillo, insegnante slavo

San Cirillo Apostolo, insegnante slavo (fino a quando non ricevette lo schema monastico - Costantino), e suo fratello maggiore Metodio, nacquero in Macedonia, nella città di Salonicco. San Cirillo ricevette un'ottima educazione, dall'età di 14 anni fu allevato insieme al figlio dell'imperatore. Ha ricevuto presto il grado di presbiterio. A Costantinopoli fu bibliotecario della cattedrale e insegnante di filosofia. San Cirillo guidò con successo controversie con eretici e iconoclasti. Alla ricerca di una vita solitaria, si ritirò sul Monte Olimpo, nel monastero dove era abate suo fratello maggiore Metodio, ma subito dopo entrambi furono inviati dall'imperatore Michele in missione missionaria per predicare il cristianesimo ai cazari. Durante il viaggio trovarono le reliquie dello iermartire Clemente, papa di Roma. Il principe cazaro era convinto della predicazione di San Cirillo, così lui e tutto il suo popolo abbracciarono il cristianesimo. Il grato principe voleva ricompensare riccamente i predicatori, ma questi si rifiutarono di accettare doni, ma invece gli chiesero di liberare tutti i greci catturati, che poi tornarono con loro a Costantinopoli. Nell'862, su richiesta del principe moravo Rostislav, l'imperatore li mandò a predicare il cristianesimo in Moravia, in lingua slava. I santi Cirillo e Metodio, dopo la rivelazione di Dio, hanno composto l'alfabeto slavo (alfabeto glagolitico) e tradotto in slavo il Vangelo, l'Apostolo, i Salmi e molti altri libri liturgici. Hanno introdotto il servizio in lingua slava. I santi fratelli furono invitati a Roma da papa Adriano I, che li accolse con grande onore, portando con sé le reliquie di San Clemente di Roma. A Roma, malato e debole per natura, san Cirillo si ammalò e prima della sua morte, ricevendo un regime monastico, morì nell'869, all'età di 42 anni. Le sue reliquie sono nella chiesa di San Clemente a Roma.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno