Oggi si festeggia il Santo Profeta Geremia

Nato nel 600 aC nel villaggio di Anathoth, non lontano da Gerusalemme. Cominciò a profetizzare nel suo quindicesimo anno, al tempo del re Giosia. Profetizzò il pentimento al re e ai suoi nobili, ai falsi profeti e ai sacerdoti, e ai giorni di questo re Giosia non poté salvarsi dalle mani assassine dei nobili indignati.

Profetizzò al re Gioacchino che la sua sepoltura sarebbe stata come la sepoltura di un asino. il morto sarà gettato fuori di Gerusalemme e il suo corpo sarà trascinato a terra insepolto per lungo tempo. Per questo motivo Geremia fu gettato in prigione. Incapace di scrivere in prigione, convocò Baruc, che stava vicino alla finestra della sua prigione, e il profeta iniziò a dettargli.

Quando questa profezia fu letta al re, questi gettò con rabbia la carta nel fuoco. La provvidenza di Dio salvò Geremia dalla prigione e la parola del Profeta si adempì su Gioacchino. Disse al re Ioiachin che lui e tutta la sua famiglia sarebbero stati portati a Babilonia e che vi sarebbe morto, cosa che presto accadde. Sotto il re Sedechia, Geremia si mise un giogo al collo e percorse la città di Gerusalemme, profetizzando la caduta di Gerusalemme e la schiavitù sotto il giogo dei Babilonesi.

Fu scritto ai prigionieri ebrei a Babilonia di non sperare di tornare a Gerusalemme, perché sarebbero rimasti a Babilonia per settant'anni - e così fu. Nella valle di Tothef, sotto Gerusalemme, dove i Giudei offrivano sacrifici infantili agli idoli, Geremia prese in mano un vaso sano e lo spezzò davanti al popolo, profetizzando la precipitosa distruzione del regno di Giuda.

I babilonesi conquistarono presto Gerusalemme, uccisero il re Sedechia, distrussero e saccheggiarono la città e massacrarono un gran numero di ebrei nella valle di Tothef, dove il profeta ruppe quel vaso. Geremia e i leviti presero l'arca dal tempio e la portarono sulla collina di Navat, dove morì Mosè, e la nascosero in una grotta. Ha nascosto il fuoco dal tempio in un pozzo profondo.

Alcuni ebrei lo costrinsero ad andare con loro in Egitto, dove visse per quattro anni e poi fu lapidato a morte dai suoi connazionali. Profetizzò agli egiziani che i loro idoli sarebbero stati infranti e che la Vergine sarebbe venuta in Egitto con il Bambino. C'è una leggenda che lo stesso re Alessandro Magno abbia visitato la tomba del profeta Geremia.

Per ordine di Alessandro, il corpo di Geremia fu trasferito ad Alessandria e sepolto con onore. Gli egizi quasi adoravano il profeta Geremia. Ecco perché fu sepolto come re. Era considerato un operatore di miracoli anche dopo la sua morte. La polvere della sua tomba è stata presa come medicina contro i morsi di serpente. Ancora oggi molti cristiani pregano il profeta Geremia contro i serpenti.

Video del giorno