L’aumento dei prezzi dell’elettricità consumerà la tariffa giornaliera conveniente?

Foto: Ansless

La voce più importante nella formazione dei prezzi per le famiglie e i piccoli consumatori è l’acquisto di elettricità dalla produzione nazionale sotto l’egida del MES, che dal 1° gennaio sarà più cara del 7,5%.

Il MES ha presentato un'offerta per il prezzo dell'energia elettrica per il prossimo anno. Il fornitore universale di elettricità EVN Home, che fornisce elettricità alle famiglie e ai piccoli consumatori, ha affermato che EVN offre elettricità al prezzo di 57 euro per megawattora, coprendo il 95% della quantità totale prevista.

- Questo prezzo è superiore di circa il 7,5% rispetto a quello precedente, ottenuto nell'ultima gara del fornitore Universal (giugno-dicembre 2023), quando AD ESM ha offerto un prezzo di acquisto di 53 euro per megawattora - ha detto EVN.

L'offerta dell'EVN è la più importante nella formazione del prezzo finale per le famiglie e i piccoli consumatori che si trovano sul mercato regolamentato.

- Come sempre, il prezzo finale comprende: il prezzo al quale AD ESM vende l'elettricità a EVN Home, il prezzo del gestore del sistema di trasmissione MEPSO, il prezzo del gestore del mercato elettrico MEMO, nonché il prezzo del gestore del sistema di distribuzione Elektrodistribucia - spiegano dall'EVN.

Quale sarà il prezzo finale la parola definitiva la darà la Commissione di regolamentazione per l’energia, ma l’annuncio dell’aumento del prezzo da parte del MES solleva legittimamente la domanda: è possibile che il possibile aumento del prezzo dell’elettricità divori il beneficio della tariffa giornaliera conveniente. Il presidente della Commissione di regolamentazione, Marko Bislimoski, annunciando la tariffa conveniente, ha detto che ci si può aspettare una riduzione delle bollette elettriche del 5%.

Altrimenti, inoltre, per coprire il restante 5% delle quantità totali previste, EVN Home ha ricevuto da AD ESM l'offerta più vantaggiosa, con un prezzo di compravendita di energia elettrica di 120,01 euro per megawattora, che può addirittura alzare i calcoli Di più. Tuttavia, il ministro dell'Economia Kreshnik Bekteshi ha assicurato in questi giorni che non ci sarà alcun aumento del prezzo dell'elettricità.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno