Celiachia: cause, sintomi e come controllare questa spiacevole malattia?

Foto: Pexels / Andrea Piacquadio

La celiachia o enteropatia da glutine è una malattia autoimmune, cioè una malattia in cui il sistema immunitario attacca le cellule del corpo quando viene ingerita la proteina del glutine che si trova in alcuni cereali.

I sintomi di celiachia variano da persona a persona, possono essere molto scomodi e possono essere prevenuti eliminando il glutine dalla dieta. Sfortunatamente, questa malattia spesso non viene diagnosticata perché i sintomi possono indicare molte altre condizioni. Pertanto, è necessario eseguire una serie di test al fine di ottenere la diagnosi giusta.

I sintomi della celiachia

I sintomi della malattia compaiono dopo che una persona ingerisce cibi contenenti glutine e sono associati a problemi digestivi come diarrea che dura più di una settimana, dolore addominale, gonfiore, stitichezza, feci chiare, drastica perdita di peso, nausea, gastrite e altri. Alcune persone possono anche soffrire di anemia, osteoporosi, eruzioni cutanee, mal di testa, ridotta fertilità o dolori articolari.

D'altra parte, alcune persone possono avere sintomi lievi e possono passare metà della loro vita senza sapere di avere la celiachia. Se si soffre di celiachia atipica è presente un solo sintomo come l'anemia, e c'è anche la celiachia asintomatica in cui la persona non ha alcun sintomo.

Se una persona celiaca continua a mangiare glutine, possono verificarsi una serie di problemi, inclusi danni, infiammazioni e malattie del rivestimento dell'intestino tenue e l'incapacità di assorbire i nutrienti. Nei bambini, questo può anche portare a una crescita e uno sviluppo ritardati.

Quali sono le cause della celiachia?

Non si sa esattamente cosa causi questa malattia e perché il sistema immunitario si comporti in questo modo. Uno dei motivi è l'eredità genetica della malattia, ma l'aspetto della malattia può anche essere influenzato dall'ambiente.

La celiachia è più comune nelle donne, mentre i primi sintomi di solito compaiono all'età più giovane, nei bambini fino a 12 mesi, o in età avanzata tra i 40 ei 60 anni. La celiachia è anche più probabile che si manifesti nelle persone che hanno un'altra malattia autoimmune.

Come viene diagnosticata la celiachia?

Quando la diarrea dura più di qualche giorno e non si tratta di virus intestinali, è necessario consultare un medico. Inoltre, quando una persona ha problemi dopo aver mangiato cibi contenenti glutine, dovrebbe consultare un medico.

Per fare una diagnosi corretta, è necessario un colloquio con un medico in cui sono descritti tutti i sintomi. Quindi vengono eseguiti una serie di test, come un emocromo completo, il controllo del livello di ferro nel sangue, un'endoscopia e talvolta una biopsia del rivestimento dell'intestino tenue. Anche l'eliminazione del glutine per un certo periodo di tempo, ad esempio un mese, e il monitoraggio di eventuali cambiamenti possono aiutare nella diagnosi.

Come si cura la celiachia?

Non esiste una cura per questa malattia, ma la cosa più importante è eliminare dalla dieta il glutine e tutti i prodotti che lo contengono, in particolare gli alimenti che contengono grano, riso, orzo e, in alcuni casi, avena. In questo modo, i sintomi saranno completamente alleviati e saranno prevenute potenziali complicazioni. Le persone celiache devono leggere attentamente gli ingredienti dei prodotti, in particolare le etichette degli alimenti trasformati.

Video del giorno