BSP prima di elezioni ancora più difficili

Cornelia Ninova / Foto: EPA-EFE / VASSIL DONEV

Il BSP è in corsa per le elezioni parlamentari anticipate dell'11 luglio, chiedendo di recuperare almeno parte dei voti persi nella votazione precedente, o poco meno di mezzo milione, ma la sua situazione attuale non offre molte speranze di successo. La prospettiva di attirare parte del voto di protesta era generalmente attesa da lui rispetto al GERB, ma nelle ultime elezioni sono andati principalmente al partito di Slavi Trifonov, e ora sembrano insignificanti. Secondo gli ultimi sondaggi d'opinione, il sostegno a "C'è una tale gente" è in crescita e non vi è alcun motivo particolare per cui alcuni di questi elettori si riorientino verso il BSP.

L'altra urna, in cui sono trapelati alcuni elettori socialisti, è la coalizione "Alzati! Fuori!" di Maja Manolova. In questa fase, mantiene e persino aumenta il suo sostegno in modo che questi elettori sembrino irrimediabilmente persi per il BSP. Inoltre, un'altra entità è emersa a sinistra, anche se con un potenziale poco chiaro come rivale dei socialisti: la nuova coalizione dell'ex primo ministro del BSP Jean Videnov, l'Alleanza di sinistra per una repubblica pura e santa. La sua apparente ambizione è quella di attirare gli elettori nostalgici filo-comunisti, russofili e patriottici che tradizionalmente sostengono il Partito Rosso. Non meno complicata è la situazione nello stesso BSP, dove i rappresentanti delle diverse opposizioni della leader Cornelia Ninova, uniti nella richiesta di lasciare la presidenza, minacciano, se non di sabotaggio, allora non prenderanno certo parte attiva nella prossima votazione. . Prima dell'inizio della campagna elettorale, alcuni di loro stanno formando una nuova tendenza nel partito: la piattaforma "Socialism 21st Century". Gli oppositori di Ninova sono stati trovati tra i suoi fondatori, il giornalista Velislava Dareva e l'ex parlamentare Baleri Ljabljanov, che hanno affermato di non essere "partigiani all'interno del partito" ma "loro sono il partito". Questa nuova struttura anti-Nove alimenta ulteriormente il senso di disintegrazione all'interno del partito, insieme a tensioni che tendono ad aumentare in tutte le formazioni politiche nella compilazione delle liste di candidati per i futuri parlamentari.

L'impegno per BSP e Ninova

Le elezioni anticipate saranno cruciali per il BSP in due modi. Uno è legato al futuro del partito stesso. Altri fallimenti, come rimanere come una terza forza politica, minacciano di emarginare il BSP, anche se entra nella configurazione di governo del prossimo parlamento. Un tale sviluppo, invece, aprirebbe lo spazio all'emergere di un'altra formazione di sinistra, che prenderebbe il posto vacante del BSP, e che sarebbe simile ai processi avvenuti negli anni nella destra -ala spazio politico.

La seconda linea è legata al futuro politico di Ninova come leader del BSP. Ha vinto le elezioni presidenziali all'interno del partito senza appello e ha la maggioranza sia nel Consiglio nazionale (l'ampia leadership che praticamente prende le decisioni) che nell'Ufficio esecutivo.

Dilemmi complessi

Non senza i suoi meriti per la situazione, Ninova si trova in una situazione complicata. Da un lato, per impedire la disgregazione del partito, doveva mostrare un nuovo concetto affinché il BSP partecipasse al prossimo voto, perché a quanto pare la strategia delle precedenti elezioni con diverse formazioni ideologiche sconosciute e l'apertura di molti i fronti sono falliti. D'altra parte, però, allentare le tensioni all'interno del partito inserendo nelle liste gli oppositori di Ninova rischia di indebolirne il controllo sul gruppo parlamentare nel prossimo parlamento. E quindi una discrepanza nel voto per le decisioni chiave, come abbiamo visto nella 44a Assemblea nazionale, quando alcuni dei parlamentari del BSP sono entrati in collaborazione con GERB e PCT, nonostante Ninova.

Nel tentativo di risolvere i dilemmi, Ninova ha avviato un consolidamento degli elettori di sinistra, inclusa la formazione dell'ex leader del BSP Georgi Parvanov-ABV, il cui attuale leader è l'ex legislatore e ministro degli interni Rumen Petkov, e quella dell'ex legislatore The Red Party , Georgi Kadiev - "Stato normale". Si sono tenuti anche colloqui per una performance congiunta con la leader del "Movement 21", Tatjana Doncheva, che fa parte della coalizione di Manolova "Alzati! Esci!". Ma si sono rivelati infruttuosi.

Sono stati inoltre apportati adeguamenti alle posizioni di leadership delle liste in alcune regioni al fine di ridurre le tensioni interne ai partiti in alcune aree. La nomina del prof. Ivo Hristov e Dragomir Stojnev in testa alle liste di Plovdiv e Pazardzhik possono essere letti come un segno della volontà di Ninova di chiudere alcuni fronti del partito. Il gruppo dell'uomo d'affari di Plovdiv Georgi Gergov, che fu espulso dal BSP, sabotò apertamente le elezioni precedenti e la lista gestita da Ninova all'epoca, poiché il risultato del partito in città era il doppio rispetto a quattro anni fa. Come gesto verso uno dei suoi maggiori oppositori, Kiril Dobrev, si può interpretare il posizionamento in cima alla lista dell'ex deputato Dragomir Stojnev, considerato vicino all'ex segretario organizzativo del partito, che nelle precedenti elezioni era secondo l'elenco a Stara Zagora.

Tuttavia, i tentativi di interiorizzare le tensioni di partito in alcuni luoghi hanno creato problemi in altri. L'ex parlamentare Vesela Lecheva si è ritirata dalla lista a Veliko Tarnovo, dopo che Javor Bozhankov è stato nominato titolare della lista con la quota civile del BSP. Lecheva è stata sostenuta da sindaci rossi di piccoli insediamenti nella regione, il che potrebbe influenzare i risultati delle elezioni. Analoga insoddisfazione è emersa a Dobrich e Kyustendil da quando sono stati nominati i titolari delle liste.

La "Coalizione simbolica" con ABV e Kadiev

La partnership con le formazioni di Petkov e Kadiev probabilmente non porterà un afflusso di voti. Nelle precedenti elezioni del 4 aprile, ABV ha ottenuto poco meno di 15.000 voti e il sostegno al partito di Kadiev non si può misurare, perché non ha partecipato al voto. L'adesione a un'unione BSP ha un significato piuttosto simbolico. "La cosiddetta élite del BSP è sempre esistita e ora c'è un gruppo influente che solleva l'idea di un'alleanza di sinistra più ampia attorno al BSP, quindi questa non è un'idea nuova. Ma in qualche modo la leadership nel suo insieme non l'ha accettato finora. Ciò che ha accelerato le cose è lo scarso risultato del BSP alle elezioni parlamentari, un gesto simbolico rivolto più al proprio elettorato periferico che a un nuovo collegio. "Ovviamente, dopo le elezioni del BSP, hanno calcolato che gran parte dell'elettorato perso proviene da coloro che si sono astenuti dal voto, e alcuni di loro non sono andati ai nuovi progetti", ha affermato il sociologo Zhivko Georgiev. Anche il CEO di Gallup International, Parvan Simeonov, vede nell'idea un significato simbolico. "La ripetizione dell'ampia coalizione di sinistra, reale o grande che sia, sta girando in tondo, e questo è già un mezzo successo, e il BSP probabilmente aggiungerà alcuni voti a questo", ha detto a Capital.

Attrarre Tatjana Doncheva avrebbe avuto un tale significato, soprattutto perché nelle precedenti elezioni era nella coalizione "Alzati! Esci!", che è riuscita a togliere parte dei voti del BSP. "Tatjana Doncheva ha avuto il suo piccolo ma autentico supporto nel corso degli anni ed è spiacevole per il BSP che ciò sia accaduto. "Come scienziato politico, dubito che i negoziati per Doncheva fossero più una mossa tattica per raggiungere i suoi obiettivi interni nella coalizione" Wise Out! ", e non tanto per entrare nella grande alleanza di sinistra", ha detto Parvan Simeonov .

L'inclusione di Mincho Hristo nel sindacato attorno al BSP è definita una "buona mossa". Ha ottenuto 23.000 voti alle elezioni europee come candidato indipendente. "È molto importante che il BSP attiri questo, perché il sindacato attorno a Videnov è un concorrente molto serio", ha commentato Simeonov.

La rianimazione politica di Videnov

Uno degli intrighi prima delle elezioni anticipate è stato senza dubbio il ritorno sulla scena politica dell'ex primo ministro Jean Videnov. Dopo l'inverno di Lukanov dall'inizio della transizione, il suo governo ne ha incarnato un altro, che si è concluso con una catastrofe economica, il governo BSP nel 1996-1997. Videnov è apparso sorprendentemente "dal nulla" come il leader della coalizione che si candiderà alle elezioni dell'11 luglio. Presenta i partiti "Bulgarian Road", presieduta dal Prof. Angel Dimov (ex parlamentare del BSP, che ha lasciato il partito per disaccordo con la rimozione di Videnov), "Bulgarian Progressive Action" presieduta da Krasimir Jankov (ex capo regionale del BSP-Varna) e un deputato che si separò dal gruppo di oppositori di Cornelia Ninova nel 44° parlamento), "Rinascita della Patria" con il leader Nikolay Malinov (ex editore del quotidiano Duma e presidente del movimento "Russophiles"), e il Partito dei comunisti bulgari con il leader Ivan Penchev. Presente di persona anche l'ex deputato Ataka Stanislav Stanilov.

"Questa coalizione attirerà i voti del BSP e della sinistra che non ha votato negli ultimi anni. Ma non mi aspetto un miracolo. Non perché non ci sia spazio per una nuova entità di sinistra - a quanto pare si è formato un grosso corpo di persone vicine di sinistra, che non votano mai, ma riuscirà a convincerle in così poco tempo. Jean Videnov è un uomo di sinistra più tradizionale e in un certo senso dimenticato della seconda metà del XX secolo. È un progetto che ripristina una lobby autentica non così piccola in Bulgaria e lì possiamo contare su persone che non hanno votato finora, ha affermato Zhivko Georgiev. "Secondo i rappresentanti della coalizione attorno a Videnov, il BSP non ha futuro e saranno l'alternativa di sinistra". Questo boccino crea un'altra polarità più estrema, che potrebbe piacere ad alcuni elettori. "Non so se può rubare voti significativi, ma può rubare qualcosa", ha detto Parvan Simeonov.

Il BSP sospetta che il ritorno di Videnov alla politica non sia casuale e lo vede come un tentativo di colpire il Partito socialista e che la nuova riunione sia ispirata da "cerchi al di fuori del BSP". Non è ancora chiaro se l'offuscamento della sinistra danneggerà ulteriormente il Partito socialista, mentre la nicchia per una moderna sinistra di tipo europeo in Bulgaria rimane vuota. Secondo i rappresentanti della coalizione attorno a Videnov, il BSP non ha futuro e saranno l'alternativa di sinistra.

I voti persi del 2017

Nelle elezioni del 2017, il BSP è riuscito ad aggiungere altri 200.000 voti al suo corpo elettorale con circa 700.000 voti, definito dai sociologi un voto di protesta. Nelle ultime elezioni, questi elettori si sono concentrati principalmente sulla formazione di Slavi Trifonov e meno su "Alzati! Esci!". Altri 200.000 elettori del BSP non hanno votato affatto. "Sarà più difficile per il BSP riportare gli elettori che sono andati al partito di Trifonov rispetto a quelli che non hanno votato a causa della difficile situazione pandemica". "Ora probabilmente voteranno per il partito", prevede Zhivko Georgiev.

Secondo i socialisti, se l'arte non alza il risultato del voto del 4 aprile alle prossime elezioni dell'11 luglio, significherà che la causa del crollo non è frutto di una brutta coincidenza, ma è profondamente politica.

Preso da capitale di Sofia

Video del giorno