BRO reagisce: gli alunni di seconda impareranno i principi della sensibilità di genere, dell'inclusività e dell'interculturalità e di pensare in modo critico

Foto: Free Press / Riste Pejovski

Dopo che alcuni media hanno riferito che secondo i nuovi curricula per l'istruzione primaria, i bambini del secondo anno impareranno le identità, l'Education Development Bureau (BRO), che ha recentemente pubblicato i curricula per il secondo e il quinto anno, reagisce dicendo che l'informazione errata è in fase di pubblicazione. Il BRO afferma che il focus è sugli standard nazionali piuttosto che sui risultati dell'apprendimento specificati attraverso standard di valutazione in ogni singolo curriculum.

– Gli standard nazionali consistono in conoscenze, abilità e attitudini, ovvero valori basati su otto aree di competenze chiave per l'apprendimento permanente che gli studenti dovrebbero acquisire entro la fine dell'istruzione primaria. Nel processo educativo, ogni materia di ogni grado, così come le attività extracurriculari nella scuola, partecipa, a seconda dell'età degli studenti e delle specificità della materia, all'acquisizione di tali competenze. In ogni curriculum di una specifica materia, è precisato ciò che lo studente dovrebbe imparare in quella materia nel dato voto. Ciò è visibile attraverso i risultati dell'apprendimento e gli standard di valutazione delineati nel curriculum, sottolinea l'Ufficio di presidenza.

Se si guarda ai curricula della seconda elementare, BRO chiarisce, negli standard di valutazione e nelle attività offerte, si possono riconoscere più direttamente i tre principi guida della nuova Concezione: il principio di sensibilità/uguaglianza di genere, il principio di inclusività e il principio di interculturalità.

- Ad esempio, nel curriculum Società di secondo grado (pagine 6-10), si afferma il seguente risultato di apprendimento: "Lo studente svilupperà una consapevolezza del rispetto delle differenze basate su genere, lingua e opportunità", che si prevede venga raggiunto attraverso standard di valutazione specifici (es.: "Riconosce situazioni di diseguale rendimento con ragazzi e ragazze a scuola." e "Dà esempi di rispetto e non rispetto delle differenze nei diversi contesti.") e una serie di attività adeguate all'età offerte agli studenti, che consentono agli studenti stessi di trarre conclusioni sulla parità di genere, indica BRO.

L'Ufficio, insieme al Ministero dell'Istruzione e della Cultura, fa appello a non accettare e diffondere notizie false, che, aggiunge, "fanno parte della vita quotidiana del nostro Paese" e invita "tutti gli interessati a richiedere informazioni pertinenti al équipe di esperti delle istituzioni competenti invece di interpretarlo o trasmetterlo da soli." status dai social network".

- Ecco perché uno degli obiettivi principali dei nuovi curricula e metodi di insegnamento è insegnare agli studenti fin dalla tenera età a pensare in modo critico quando ricevono ed elaborano informazioni, invece di credere a ogni informazione che ascoltano, indipendentemente dal fatto che sia ben intenzionata .o posizionato maliziosamente. In questo modo, secondo l'Education Development Bureau, l'istruzione primaria consentirà ai futuri cittadini adulti di essere più resistenti alle manipolazioni politiche o di altro tipo.

 

Video del giorno