Il settore metallurgico bosniaco è il maggiore esportatore ei salari sono i più bassi

Bandiera bosniaca / Foto: Profimedia

Il settore metallurgico è il leader in Bosnia-Erzegovina quando si tratta di esportazioni, e il problema più significativo in questo settore è la mancanza di manodopera di tutti i profili, in particolare quei lavoratori con esperienza e salari bassi. Questa zona sta vivendo da due anni un grande boom commerciale e sono quasi interamente orientati all'esportazione.

Secondo i dati ufficiali della Camera statale per il commercio estero, il settore della lavorazione dei metalli ha i migliori risultati nel commercio, che partecipa all'export totale con il 41,5 per cento.

D'altra parte, l'import totale è del 35,9%. "Tuttavia, sebbene l'industria metallurgica registri un aumento delle esportazioni, il problema è che in pratica non c'è stato alcun aumento dei salari", ha detto al portale Klix.ba Mešan Vildić, presidente del sindacato dei metalmeccanici.

Da questo sindacato, hanno affermato che le autorità devono migliorare l'ambiente sociale per fermare un deflusso di manodopera ancora maggiore e con incentivi monetari per facilitare il funzionamento delle aziende di questo settore.

Video del giorno