Bloomberg: l'Europa deve trovare una soluzione al petrolio prima di vietare le importazioni dalla Russia

L'Unione Europea dovrebbe proporre il rinvio delle restrizioni alle importazioni di petrolio russo dal principale oleodotto Druzhba per soddisfare le obiezioni ungheresi e raggiungere un accordo su un pacchetto di sanzioni bloccato che prenderebbe di mira Mosca per la sua guerra in Ucraina.

Una proposta rivista dovrebbe essere presentata per risparmiare temporaneamente le consegne di petrolio attraverso il gigantesco oleodotto Druzhba da un più ampio divieto di consegna, ha riferito Bloomberg, citando fonti dell'UE vicine alla questione.

La proposta inizialmente taglierebbe solo le consegne offshore e successivamente la estenderebbe alle consegne di Druzhba una volta trovata una soluzione tecnica che soddisfi il fabbisogno energetico dell'Ungheria e di altre nazioni, per lo più senza sbocco sul mare, hanno affermato le fonti. Le spedizioni offshore rappresentano circa i due terzi delle importazioni di petrolio russe.

Alcuni Stati membri stanno spingendo per un accordo prima che i leader dell'UE si incontrino a Bruxelles lunedì per discutere della guerra in Ucraina. Il compromesso farà guadagnare tempo all'UE e al primo ministro ungherese Viktor Orban per appianare i dettagli tecnici dell'eliminazione graduale delle forniture di gasdotti al suo paese, dice la gente. L'Ungheria ha bloccato per settimane i piani per vietare il petrolio russo.

Le proposte non sono finalizzate e possono essere modificate prima di essere presentate e approvate dagli Stati membri. Il pacchetto sanzioni richiede il sostegno di tutti gli Stati membri. Diverse nazioni si sono precedentemente obiettate alla differenza tra le consegne via mare e quelle tramite gasdotti per la preoccupazione che una tale divisione sia ingiusta perché le colpisce in modo sproporzionato.

L'UE ha precedentemente proposto una graduale eliminazione delle importazioni di petrolio russe entro l'inizio del prossimo anno. L'Ungheria e la Slovacchia riceveranno una scadenza entro la fine del 2024, mentre la Repubblica Ceca riceverà un'esenzione entro giugno 2024. La Russia ha spedito circa 720.000 barili di greggio al giorno alle raffinerie europee lo scorso anno attraverso il suo principale gasdotto nella regione.

Tuttavia, la maggior parte delle consegne dei gasdotti sono in Germania e Polonia, che hanno segnalato che si svezzeranno dalle consegne russe indipendentemente da qualsiasi azione dell'UE. Come parte del compromesso, alla Bulgaria potrebbe essere concesso un periodo di transizione più lungo, affermano le fonti.

Anche Grecia e Cipro stanno cercando una transizione più lunga al divieto proposto.

Video del giorno