"Bella Ciao" dovrebbe essere l'inno ufficiale della Festa della Liberazione dell'Italia, chiede un deputato

Napoli, Italia / Foto: Jacek Sopotnicki / Alamy / Alamy / Profimedia

Un deputato in Italia ha rilanciato la sua proposta di riconoscere in Parlamento la famosa canzone antifascista "Bella Ciao" come inno ufficiale della Festa della Liberazione Nazionale.

"Bella Ciao" è un canto di libertà e di gratitudine a coloro che hanno lottato sacrificando la propria vita per restituire libertà e democrazia al popolo italiano sotto la tirannia nazifascista", ha scritto Stefano Vaccari sul social network.

 

Alla fine del 2022 Vaccari ha presentato un disegno di legge chiedendo al Parlamento di riconoscere la canzone come "espressione nazionale dei valori" della Repubblica e di eseguirla ogni 25 aprile, giorno della liberazione dell'Italia dal nazismo nel 1945.

Due giorni fa Andrea Crippa, esponente di spicco della Lega di estrema destra, ha condannato la canzone e ha affermato che "il comunismo ha causato milioni di morti", suscitando la protesta dell'opposizione.

"Possiamo confermare con certezza che 'Bela Chow' non è l'espressione di un'unica tendenza politica, ma che, al contrario, tutte le forze democratiche si possono riconoscere negli ideali universali ispirati da quella canzone", ha scritto Wakari presentando il suo disegno di legge. .

 

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 100 DENARI

Video del giorno