Bekteshi: Il governo sta negoziando uno scambio di elettricità con gas con la Serbia e un prezzo competitivo dell'elettricità per l'economia con la Bulgaria

Kreshnik Bekteshi, Ministro dell'Economia / Foto: Screenshot

Sono in corso trattative con la Serbia per lo scambio di gas con elettricità e, se si raggiunge un accordo, metà dell'elettricità che verrà prodotta nel TE-TO dovrebbe rimanere per i nostri bisogni e l'altra metà dovrebbe essere restituita al vicino settentrionale , ha annunciato il ministro dell'Economia Kreshnik Bekteshi.

- Abbiamo accettato questa offerta finale e la Serbia la sta valutando seriamente. Questa proposta per lo scambio di energia è stata inizialmente proposta dalla Serbia, per la quale la Macedonia del Nord ha dato una risposta definitiva, e ora siamo in attesa di una risposta da parte serba, ha affermato ieri il ministro dell'Economia Kreshnik Bekteshi in un'apparizione a 360 gradi alla televisione Alsat.

-Né la Macedonia del Nord acquisterà gas dalla Serbia, né la Serbia in cambio acquisterà elettricità dal paese. Quello che si sta negoziando è uno scambio: la Serbia fornisce gas per la centrale elettrica TE-TO, e poi parte dell'elettricità prodotta viene restituita come compenso. Se viene raggiunto un accordo, la Serbia ha l'obbligo di fornire gas naturale al TPP. Noi come stato abbiamo l'obbligo di fornire loro l'elettricità. Sono più che sicuro che la Serbia stia valutando la nostra offerta. L'ultima offerta per noi è 50-50 o 60-40, precisa Bekteshi.

Secondo lui, se questo accordo verrà realizzato, l'energia elettrica prodotta nel TPP che rimarrà per il Paese sarà offerta sul mercato interno.

- Stiamo parlando di scambio qui. Noi, come Stato, abbiamo interesse ad avere il gas naturale a un prezzo più basso, perché, perché avremo un prezzo più basso per l'energia termica, oltre che per l'elettricità che potremo offrire ai cittadini. Se la centrale termica non funziona, il 100 percento del calore di Skopje dovrebbe essere prodotto nelle centrali di riscaldamento est e ovest, Energetika e la centrale termica di Sever a Chair, e se la centrale termica funziona, il 60 percento del i consumi nell'intera città sono coperti solo dai lavori sul TE-TO e gli impianti di riscaldamento dovrebbero coprire solo il 40 per cento circa di quei bisogni, ha chiarito Bekteshi.

Il Tpp, ha aggiunto, funziona solo a metano, anche le centrali termiche funzionano a gas e possono funzionare a gasolio.

- Anche ora, anche se i costi sono ridotti, è nel nostro interesse far funzionare la centrale termica e non aumentare il prezzo, con prezzi più bassi del gas naturale e dell'elettricità, ne offriremo una parte alla Serbia e ne utilizzeremo una parte per le nostre esigenze, sia per le esigenze del settore, sia per altre esigenze, stiamo parlando di una capacità di 205 megawattora, ha sottolineato Bekteshi.

In merito alle trattative con la Bulgaria per l'acquisto di energia elettrica per l'economia a un prezzo inferiore, Bekteshi ha chiarito che nelle scorse settimane sono state condotte intense trattative con rappresentanti della parte bulgara, e sono stati inclusi anche rappresentanti della Commissione Europea e della Comunità Europea dell'Energia nei colloqui.

- Da quanto concordato, il nostro Paese ha l'autorizzazione della Commissione Europea per negoziati bilaterali con gli Stati membri dell'Unione. Attualmente si sta cercando una soluzione per la legislazione in Bulgaria che prevede che tutta l'elettricità prodotta nel paese debba essere immessa in borsa, ma questo può essere facilmente modificato da una decisione del governo o da uno statuto. Se la Repubblica di Bulgaria accetta la nostra offerta per l'acquisto di energia elettrica a un prezzo fisso di 200 euro per megawattora, per quanto la nostra economia può sopportare, possiamo raggiungere un accordo, ma se insistono che paghiamo al prezzo che è sul mercato azionario, non saremo d'accordo e continueremo con le nostre capacità domestiche, ha sottolineato Bekteshi.

Io, sottolinea il ministro dell'Economia, non accetterò di pagare l'energia di base per i prossimi sette mesi al prezzo che è attualmente in borsa.

- Questa è la posizione del governo, stiamo negoziando con la parte bulgara per un prezzo fisso che sarà fino alla fine di aprile e non un prezzo fisso solo nei picchi, ma un prezzo fisso per 24 ore. Cosa significa: se il prezzo è di 200 euro, riceveranno 200 euro per megawattora di notte, e ci sono giorni in cui l'elettricità di notte non supera i 100 euro e durante i picchi di giorno il prezzo può raggiungere i 400 o 500 euro, ma riceveranno 200 euro, precisa Bekteshi.

Ha annunciato che oggi lui e il presidente Stevo Pendarovski sono a Sofia dove terranno un incontro con la presidente della CE, Ursula Von der Leyen, e con i rappresentanti della Bulgaria, durante il quale verrà presentata quest'ultima offerta da parte macedone, in primo luogo a causa del fatto che il prezzo della produzione di elettricità in Bulgaria è inferiore a 100 euro per megawattora e nel reattore nucleare di Kozloduy è inferiore a 50 euro.

In relazione alle trattative con la Turchia, Bekteshi ha informato che abbiamo un'offerta per l'acquisto di energia elettrica che è stata presentata alla Camera di Commercio con un prezzo superiore al loro fabbisogno che varia da 150 a 200 euro per megawattora.

- Ma il problema è che nessuna delle aziende interessate ci garantisce che se il prezzo fosse, ad esempio, di 250 euro, comprerebbe quell'elettricità. Se paghiamo in anticipo 100 megawatt di elettricità al prezzo, ad esempio, di 250 euro, e se qui le nostre aziende non garantiscono che la compreranno a quel prezzo, allora l'intero onere ricadrà sullo stato, e noi non può trattare il bilancio così come lo stato. Se pagano in anticipo, possiamo fornire determinate quantità, ha detto il ministro.

Riguardo alle aspettative per il prezzo dell'energia elettrica dopo il nuovo anno, ha affermato che se il piano di produzione di ESM verrà realizzato nell'ultimo trimestre dell'anno, così come il piano per la fornitura di varie fonti energetiche con prezzi che attualmente abbiamo , quindi non ci sarà alcun aumento dei prezzi dell'elettricità, ma ha esortato i cittadini a risparmiare energia elettrica per ridurre la pressione sull'ESM

Video del giorno