I balisti hanno collaborato con i fascisti: le modifiche alla legge si applicheranno anche ai "ballisti" di Tetovo?

Foto: Facebook / schermata di stampa

Il mese scorso, con il sostegno del governo e dell'opposizione, sono stati adottati in Parlamento modifiche alla Legge sulle Associazioni e Fondazioni, che impediscono l'apertura di associazioni che glorificano il nazismo e il fascismo. È stata una risposta alle associazioni di recente apertura con i club culturali dei bulgari nel paese. Ma che dire dei "Balistas", il gruppo di tifosi di Tetovo che questa settimana ha festeggiato i 30 anni di esistenza? Gli emendamenti legali si applicheranno anche a loro, se sappiamo chi sono i balisti storici: traditori domestici e servitori fascisti che occuparono metà della Macedonia durante la seconda guerra mondiale?

Queste domande sono poste dall'architetto Tetovo Bosko Vidoeski, il quale osserva che il gruppo di tifosi, che da decenni usa pubblicamente il nome filofascista, ha persino organizzato una celebrazione questo fine settimana presso il Centro culturale della città intitolato all'eroe popolare Iljo Anteski-Smok, e i balistici nel 1943 lo condannarono a morte e lo giustiziarono nel carcere di Tirana, insieme ad altri cinque partigiani e comunisti macedoni.

"Anche un morto non riposa in pace." È giunto il momento per un gruppo di tifosi intitolato a collaboratori di Hitler e Mussolini di celebrare una sorta di celebrazione in una struttura a lui intitolata. Che ironia!" scrive Vidoeski su Facebook, chiedendo ai media di scrivere di più su questo.

Aggiunge che il silenzio banalizza tali casi, e la banalizzazione porta a farlo diventare normale, il che sta praticamente permettendo al fascismo e al nazismo di vampirizzarsi davanti ai nostri occhi.

“E no, non si può considerare che “questo non è niente di terribile”, banalizzando il simbolismo tragico della scelta del luogo della celebrazione del venerdì. Spero solo che questa scelta non sia stata intenzionale; e anche se lo fosse, ciò non significa che non dovrebbe incontrare una reazione! È ancora più devastante che uno di voi finga di essere "ignorante" riguardo al proprio contributo alla reincarnazione del fascismo e del nazismo a Tetovo e in Macedonia", scrive Vidoeski nel post.

I tifosi dello "Shkendija" di Tetovo scrivono pubblicamente sui social network che Tetovo è il "cuore dell'Albania", e tale evidente incitamento all'intolleranza nazionale passa senza alcuna reazione da parte delle istituzioni competenti.

I balisti erano membri del movimento nazionalista e filofascista albanese, organizzato nel fronte nazionale "Bali Kombtar", costituivano la parte militare dell'organizzazione, che agiva per la creazione della Grande Albania. Durante la maggior parte della seconda guerra mondiale, i balistici furono in conflitto diretto con le unità partigiane in Macedonia, Serbia e Montenegro. Hanno avuto una resa dei conti particolarmente feroce con i membri della NOV della Macedonia occidentale, commettendo omicidi, terrore e saccheggio della popolazione macedone e di altra popolazione non albanese. Il programma politico di questa organizzazione prevedeva l'unificazione dei "territori etnici" degli albanesi e la creazione della Grande Albania.

Secondo gli ultimi emendamenti legali, in Macedonia è ora vietato aprire associazioni e fondazioni i cui programmi, obiettivi, attività e azioni siano finalizzati al crollo violento dell'ordine costituzionale del paese, all'incitamento e all'appello all'aggressione militare, nonché a infiammare l'odio nazionale, razziale, religioso o altra intolleranza, intolleranza, odio, genocidio, sterminio, diffondere o sostenere, incitare e sostenere il fascismo, il nazismo, il nazionalsocialismo e il Terzo Reich, nonché intraprendere attività legate al terrorismo o attività contrarie al Costituzione.

Secondo più di questi criteri elencati nella legge, l'esistenza di un gruppo che si fa chiamare "Ballists" e promuove l'ideologia e gli obiettivi dei Ballists storici è ora vietata nel paese.

Video del giorno