"Babaroga" Talat Xhaferi

Sasho Ordanoski
Sasho Ordanoski / Foto: "Stampa libera", Dragan Mitreski

Si ha l'impressione che Xhaferi stia diventando l'"anello" politico più debole del governo di fronte alla strategia dell'opposizione per la necessità di indire elezioni anticipate per diffondere la percezione che la democrazia nel Paese stia soffocando, solo per mantenere il governo al potere.

Il parlamento macedone ha sicuramente un problema con le porte. Quella volta, ricordiamo, i parlamentari del VMRO-DPMNE li aprirono senza autorizzazione, in modo che potessero entrare nell'edificio persone che erano determinate a usare la violenza per cambiare la storia politica della democrazia macedone. In quell'occasione, alcune porte chiuse nello stesso edificio del parlamento potrebbero aver salvato la vita di parlamentari, e le porte aperte dell'ufficio dell'allora presidente del parlamento furono oggetto di esame forense del movimento di teppisti. contare la presenza fisica dei parlamentari alla sessione.

Sia gli "apri" che i "chiuditori" della porta invocano la democrazia, come la interpretano democraticamente. Tuttavia esistono leggi valide per quelle cose, secondo le quali si sa chi può e in quali condizioni può aprire e chiudere porte. Tali disposizioni non sono dalla parte della giustificazione del procedimento in entrambi i casi, sebbene le conseguenze siano incomparabili. Ma le leggi sono di principio; diverse sono solo le sanzioni per averle violate quando se ne devono soppesare le conseguenze.

Talat Xhaferi avrebbe dovuto saperlo meglio. Dimostra grande nervosismo, che non gli è caratteristico, nella gestione di questa composizione dell'Assemblea. L'opposizione è l'opposizione e ha il diritto di scegliere quale via (democratica) per rovesciare il governo. Non hanno votato l'anno scorso, quindi ora hanno avviato boicottaggi, proteste, azioni di guerriglia-parlamentare e varie provocazioni, per impedire il normale lavoro della maggioranza dei parlamentari. Niente di nuovo e niente di invisibile. Sì, non è facile gestire il "serraglio" parlamentare, soprattutto in condizioni di maggioranza parlamentare "snella" al potere. Ma per chiudere a chiave le porte dei parlamentari?!

Il presidente del Parlamento Xhaferi è stato due volte imbarazzato da questo "incidente alla porta". Una volta, dieci giorni fa, è stato filmato mentre si rivolgeva a funzionari parlamentari in modo rude e sgarbato, qualcosa che non si addice alla sua età o all'esperienza politica che ha, e soprattutto non alla posizione che ricopre. E la seconda volta ha rifiutato, scusandosi invano "a rate", di scusarsi per un'azione del genere. Pensa ancora di avere ragione su questo. Alla maggioranza del pubblico, invece, non piacciono le persone - nemmeno gli assistenti sociali, i politici! - che non sanno scusarsi per le loro azioni ovviamente sbagliate.

Xhaferi è un agente politico intelligente e capace. Ma un politico rigido, testardo, sia quando legge poesie dai banchi parlamentari sia quando legge il Regolamento dal seggio presidenziale. Basa il suo fascino specifico su questo, tranne quando esagera. È così nelle apparizioni pubbliche e fuori dal Parlamento, perché a volte sa trattare gli interlocutori con cui non è d'accordo e con una certa dose di arrogante disprezzo. Non esiste una formula secondo la quale possa essere un bene per un politico. L'Assemblea, però, non è una caserma militare, ma la Casa della Democrazia in cui la soglia della tolleranza e della gentilezza nella gestione di quell'istituto deve essere superiore anche alla possibile maleducazione degli oppositori politici.

Si ha l'impressione che Xhaferi stia diventando l'"anello" politico più debole del governo di fronte alla strategia dell'opposizione per la necessità di indire elezioni anticipate per diffondere la percezione che la democrazia nel Paese stia soffocando, solo per mantenere il governo al potere. Con il suo comportamento, semplicemente "offre" all'opposizione di creare da lui una "spilla" politica e una "babaroga" antidemocratica, un motivo per "immediatamente, ora e urgente" andare alle elezioni anticipate. Come se il governo avesse poche sfide da risolvere, mancava solo Xhaferi.

Video del giorno