I deputati americani propongono che gli USA "riconoscano le lingue dei Balcani occidentali"

Congresso degli Stati Uniti
Congresso degli Stati Uniti / Foto: Archivio

Oltre a sradicare la corruzione, la proposta di legge per gli aiuti e il sostegno ai paesi dei Balcani occidentali, presentata la scorsa settimana da un gruppo di senatori statunitensi, afferma anche che "gli Stati Uniti riconoscono le lingue" dei paesi della regione e che "continuerà a sostenere il patrimonio culturale" dei Balcani occidentali.

Il senatore Gene Shaheen, presidente della Sottocommissione per l'Europa e la cooperazione per la sicurezza regionale, spiegando cosa prevede la proposta legislativa per la regione, ha dichiarato a Voice of America che il Segretario di Stato americano potrà offrire assistenza tecnica ai paesi dei Balcani occidentali, che vogliono sviluppare strategie nazionali per la lotta alla corruzione.

"La lotta alla corruzione è una parte molto importante. E ciò che fa la legislazione è autorizzare il Segretario di Stato a fornire assistenza tecnica ai paesi che cercano assistenza per affrontare le loro sfide alla corruzione", ha affermato Shaheen.

Per quanto riguarda la parte della proposta di legge sulle lingue e come vede il fatto che la Bulgaria neghi l'esistenza della lingua macedone, Sahin ammette che "ci sono differenze storiche di lunga data tra gruppi etnici e paesi della regione".

"E mentre guardiamo a come andare avanti nel futuro, penso che sia importante cercare di risolvere alcune di quelle sfide di vecchia data che esistono, proprio come abbiamo visto la Grecia e la Macedonia del Nord finalmente risolvere le loro divergenze sul nome e su ciò che significato per le culture di entrambi i paesi. "Dobbiamo vedere più compromessi di questo tipo, che consentiranno ai paesi di andare avanti e concentrarsi sul futuro, invece di rimanere bloccati nel passato", ha affermato Sahin.

Secondo lei, i leader dei Balcani dovrebbero concentrarsi sull'integrazione nell'Unione europea e non sulla promozione del conflitto.

"Quando parliamo con le persone in viaggio alla fine di aprile e ogni volta che sono stato nella regione in passato, ho sentito dai cittadini di quei paesi che vogliono la pace. Vogliono stabilità, vogliono vedere la fine del conflitto. Vogliono avere opportunità per se stessi e le loro famiglie. E il mio messaggio ai leader dei Balcani occidentali è di pensare a ciò che vogliono i loro cittadini. Pensa al futuro e a cosa è bene per il tuo Paese. La strada da seguire è guardare alla democrazia, guardare all'integrazione con l'Unione europea, con l'Occidente e non continuare a promuovere il conflitto che in passato è stato così disastroso per i propri cittadini", afferma Sahin.

Sottolinea che una rinnovata attenzione al progresso democratico è particolarmente importante in un momento di tensioni etniche e di sforzi della Russia per fomentare il conflitto nella regione.

"Mentre la Russia guarda a dove potrebbe andare dopo l'Ucraina, ovviamente i Balcani occidentali sono uno di quei posti, ed è per questo che la guerra in Ucraina è così critica. Stiamo pensando a come faremo tutto il possibile per sostenere l'Ucraina ei suoi sforzi contro la brutale guerra non provocata della Russia. "Non riesco a immaginare che qualcuno, in qualsiasi parte del mondo, e specialmente in Europa e nei Balcani occidentali, stia guardando cosa sta succedendo in Ucraina, pensando che vorrebbe che la Russia entrasse e facesse questo ai loro paesi", ha detto Shahin .

Dice che la legislazione proposta mira a garantire il progresso economico e incoraggiare il commercio nei Balcani occidentali, non solo con gli Stati Uniti, ma anche con l'Europa e i paesi vicini, oltre a creare un ambiente con opportunità di lavoro per i giovani.

Video del giorno