Il petrolio albanese risolverà i problemi energetici di tutta l'Europa!?

Olio / SP. archivio
Olio / SP. archivio

Il primo ministro Rama e il ministro Baluku affermano che nel giacimento di Shiprag in Albania sono state scoperte enormi riserve di petrolio e gas, anche se ciò non è stato ancora confermato dalla Shell, che ha investito centinaia di milioni di dollari e dieci anni nella ricerca.

L'Albania ha accesso a grandi fonti di energia che le consentiranno di produrre "quantità significative" di petrolio e gas, con la capacità di attutire la crisi energetica in tutta Europa.

Lo ha annunciato l'altro ieri il premier Edi Rama durante la sua visita nei Paesi Bassi, e successivamente confermato dal Ministro delle Infrastrutture e dell'Energia, Belinda Baluku.

- L'Albania sarà in grado di produrre importanti quantità di petrolio e gas. "Shell" lavora da tempo in Albania e attendiamo con impazienza i risultati della ricerca, che sarà una grande scoperta - ha affermato Bulaku.

Il primo ministro Rama ha annunciato una "scoperta importante" dopo l'incontro con il collega Mark Rutte dei Paesi Bassi, paese in cui è registrata la Shell.

- Ci sono segnali che indicano che siamo vicini a una scoperta molto, molto importante di petrolio e gas, che avrà un enorme impatto non solo sul futuro del nostro Paese, ma svolgerà anche un ruolo nel futuro dell'energia in Europa - disse Rama.

Né il premier né il ministro hanno ammesso di non aver ricevuto dettagli o dati da "Shell" sulle conclusioni della ricerca, ma sia Rama che Bulaku hanno espresso la convinzione che la notizia sarà positiva. Il ministro Bulaku ha anche aggiunto che il giacimento appena scoperto contiene il 40% di gas e il 60% di petrolio.

Il gigante britannico-olandese "Royal Dutch Shell" e il malese "Petronas" dieci anni fa hanno ricevuto il permesso di esplorare potenziali riserve nel giacimento petrolifero di Shiprag nella parte meridionale dell'Albania, intorno alla montagna omonima. Il giacimento è stato scoperto nel 2001 dalla società "Occidental Petroleum", le cui ricerche hanno dimostrato che lo sfruttamento del petrolio non è redditizio.

Dieci anni dopo, "Shell" e i suoi partner hanno deciso di condurre ricerche più approfondite e hanno investito decine di milioni di euro nella perforazione di quattro pozzi sperimentali fino a 6.000 metri di profondità. Manas Petroleum ha perforato il pozzo Shiprag 2012 nel 2 e Shell ha rilevato le operazioni e ha perforato i pozzi sperimentali Shiprag 2016 e 3 nel 4. Nel suo rapporto più recente, nel 2019, la società ha confermato che "potenziale scoperta di petrolio", ma lo ha fatto non indicare se investirà più fondi per ulteriori ricerche.

Il petrolio in Albania è stato scoperto quasi un secolo fa, ma da 60 anni non vengono scoperti nuovi giacimenti. Dopo il rovesciamento del regime comunista nel 1991, diverse compagnie petrolifere mondiali hanno investito molti fondi ed energie nella ricerca di petrolio sia sulle coste che sui fondali delle acque territoriali albanesi, senza risultati positivi.

Le scoperte di bacini poco profondi, a una profondità di poche centinaia di metri, sono stati per alcuni esperti un segnale che si trattava in realtà di canali provenienti da un bacino molto più grande situato molto più in profondità. Gli esperti di "Manas" e "Shell" hanno stimato che il giacimento Shiprag ha un potenziale petrolifero equivalente ai grandi giacimenti "Val D'Agri" e "Tempa Rosa" scoperti in Italia nel 1989. Oggi in Italia vengono sfruttati circa 50.000 barili di petrolio al giorno da questi giacimenti.

L'Albania è il più grande produttore di petrolio greggio nella regione dei Balcani occidentali, ma non è affatto lontana dall'estrarre il pieno potenziale delle sue riserve di combustibili fossili.

- L'Albania è uno dei paesi più ricchi d'Europa con riserve di idrocarburi. Dal 2004 sono stati firmati 16 contratti di esplorazione e produzione di petrolio e gas, di cui solo cinque sono in fase di produzione. "Bankers Petroleum" possiede il 90 per cento della produzione di greggio - ha spiegato Erlet Shake dell'Albanese Energy Association. In un'intervista del 2017, ha sottolineato che l'Albania beneficia solo del 2% del petrolio prodotto, perché gli investimenti non sono riusciti a ridurre al minimo i costi di sfruttamento.

- Questo fatto testimonia non solo una scarsa preparazione e attuazione, ma anche deboli meccanismi di ispezione, monitoraggio e controllo delle imprese pubbliche - ha poi sottolineato Shake.

Ha aggiunto che dal giacimento "Patos-Marinez-Colonia", considerato il più grande giacimento petrolifero dell'Europa continentale, nel periodo compreso tra il 2010 e il 2014 è stato sfruttato solo il 2,18% della capacità totale.

L'Albania oggi produce quasi 23.000 barili di petrolio al giorno, diventando così il 78° produttore mondiale di petrolio. A questo ritmo di produzione, l'Albania sfrutta annualmente il 4,9 per cento delle sue riserve di petrolio accertate, il che significa che esaurirebbe tutte le riserve in 20 anni. Del petrolio prodotto, il 20% è destinato al fabbisogno energetico interno e vengono esportati 18.300 barili al giorno.

Video del giorno