Se la missione di valutazione concludesse che il Consiglio giudiziario dovrebbe essere sciolto, rispetteremo la decisione, assicura Georgiev

Sashko Georgiev - Presidente del Consiglio giudiziario / Foto: "Sloboden Pechat" - Dragan Mitreski

Se la Missione di Valutazione dell'Unione Europea concludesse che il Consiglio della Magistratura debba essere sciolto, rispetterò quella decisione, dice p.il vicepresidente del Consiglio giudiziario Sashko Georgiev. Per lo spettacolo "360 gradi", Georgiev ha detto che la posizione non è eterna.

"Parlo di me, nessun problema." Se questa è la percezione, se si tratta di una raccomandazione proveniente da un fattore rilevante, allora non vi è alcun dilemma. Niente è per sempre, noi siamo qui per farlo rispettare. Per me l'interruzione del mandato è molto reale, se consideriamo che tutto ciò contribuirà a migliorare la situazione, in modo da avere un po' di fiducia", ha osservato Georgiev.

Per quanto riguarda il caso del giudice Enver Bejeti, che è stato punito con una multa e non con il licenziamento, perché ha tenuto nel cassetto per diversi mesi il caso delle intercettazioni illegali, Georgiev ha chiarito che non ci sono stati abbastanza voti per il suo licenziamento.

"Per decidere di destituire il giudice sono necessari almeno otto voti, e in questo caso non ci sono stati otto voti". In questo caso, secondo la legge, vengono prese prima le misure disciplinari, che si esprimono in una multa del 15-30%, e la sanzione più piccola è un rimprovero o un avvertimento pubblico. In questo caso otto voti hanno ottenuto una riduzione del 20% dello stipendio per un periodo di sei mesi", ha detto Georgiev.

I giudici, come ha detto, decidono secondo le proprie convinzioni, e alcuni di loro hanno presentato le ragioni per cui hanno votato contro il licenziamento del giudice Bejeti.

 "Qui parliamo di un Consiglio penale in cui questo giudice è reporter, ma è composto da tutti e cinque i giudici. Dopo la condanna di qualcuno, alcuni colleghi hanno pensato che potesse trattarsi di una questione di responsabilità collettiva dell'intero consiglio e qualcuno ha sostenuto che solo questo giudice dovrebbe essere responsabile. D'altra parte, questo giudice in precedenza aveva ottenuto risultati solidi nel suo lavoro, aveva ottenuto punti e aveva già presentato domanda di promozione", ha detto Georgiev.

Alla domanda sull'incoerenza nelle decisioni del Consiglio giudiziario, che in precedenza aveva licenziato i giudici Lidija Nedelkova e Sofia Lalicic per piccole osservazioni, Georgiev ha detto che anche allora c'erano opinioni diverse, ma hanno prevalso i voti della maggioranza.

Per quanto riguarda la possibile influenza dei partiti sulle decisioni del Consiglio giudiziario, Georgiev afferma che i membri del Consiglio sono professionisti che non dovrebbero permettersi alcuna influenza, soprattutto quando si decide sul licenziamento o sulla scelta di un giudice.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI